Sciogliendo trecce verde rame

Il topic semiserio sulle canzoni indecifrabili

Spazio dedicato a cinema, serie TV, spot, bloopers, libri, fumetti, musica e molto altro / Chat about movies, TV series, spot, bloopers, books, comics, music and more
Avatar utente
Greywolf
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 7226
Iscritto il: 01 novembre 2006, 19:27

Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Greywolf » 14 marzo 2017, 17:56

Nillc hai scoperchiato qualcosa di analogo al Vaso di Pandora!!! :O_o:

A parte che un tempo, quando non c'erano le automobili e si utilizzavano i cavalli, spesso, dopo averli strigliati, si intrecciavano loro la coda e la criniera, sia per bellezza e sia perché non si avvolgessero intorno ai finimenti.
Altrimenti nel folklore di tutta Italia ci sono i folletti (con tutti i loro vari nomi: monachicchio, linketto, mazapegul ecc ecc) che intrecciano code e criniere alle cavalle e le portano a fare galoppate notturne cosicché la mattina dopo le si ritrova nella stalla tutte sudate e con criniere e code raccolte in trecce. 24_60

Invece tutto il resto mi ha ricordato un'altra cosa:

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Fju2c4B1Rw4[/youtube]




Golden Reviewer (120 Golden Award)
| Allievo di Lara |



Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 25081
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30



Tomb Raider 3 Gold

Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Blu » 15 marzo 2017, 11:16

ahahah :asd: .. viene l'ansia guardandolo :asd:
Greywolf ha scritto: Altrimenti nel folklore di tutta Italia ci sono i folletti (con tutti i loro vari nomi: monachicchio, linketto, mazapegul ecc ecc) che intrecciano code e criniere alle cavalle e le portano a fare galoppate notturne cosicché la mattina dopo le si ritrova nella stalla tutte sudate e con criniere e code raccolte in trecce.
Sull'Altopiano (di Asiago) si chiamano Sanguinelli :D

@Nillc, ricordo Gam Gam :D , ma mai avrei immaginato l'origine [:^] :D




Golden Reviewer (157 Golden Award)
| Predatore



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8500
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Nillc » 24 agosto 2017, 00:18

Ultimamente ho avuto modo di riflettere sul significato di una canzone celeberrima, famosa per essere in genere una delle prime che si imparano a suonare con la chitarra :D parlo de "La Canzone del Sole" di Lucio Battisti :)

Girando un po' online ho trovato la spiegazione data da Mogol a proposito: l'idea della canzone gli venne dopo aver incontrato, da adulto, una ragazza con la quale da piccolo aveva avuto un flirt. Il testo parla dunque dell'ipotetico incontro tra un ragazzo e una ragazza a distanza di anni, con lui che deve ancora uscire del tutto dall'entusiasmo adolescenziale e lei già scafatella e disincantanta (è noto che le donne maturino prima degli uomini).

In particolare mi sono soffermato sul famoso refrain "O mare nero o mare nero o mare ne", scoprendo che per tutti questi anni ho sbagliato, esattamente come accadeva per le trecce dei cavalli e i salami verde rame :D
Io infatti cantavo così:

"O Mare nero o mare nero o mare ne
Tu eri chiarA e trasparente come me"


Pensando che chi cantava si riferisse alla stessa donna cui l'intera canzone è dedicata; in realtà Battisti dice chiarO, al maschile, e si riferisce proprio al mare nero!
La metafora si parafrasa dunque così: il cantante parla al mare, che ai tempi della sua infanzia era chiaro e trasparente come il suo animo di bambino, mentre oggi è nero, ossia inquinato ;)




Golden Reviewer (206 Golden Award)



Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 25081
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30



Tomb Raider 3 Gold

Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Blu » 01 settembre 2017, 02:18

Mistero risolto XD :D (anche da noi, in compagnia, la si cantava al femminile.. in effetti così ha molto più senso [:^] )




Golden Reviewer (157 Golden Award)
| Predatore



Avatar utente
Teone
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 295
Iscritto il: 13 gennaio 2017, 15:53

Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Teone » 30 agosto 2018, 23:24

Mi è tornata in mente una canzone che avevo amato molto: Vita Tranquilla cantata da uno strampalato Francesco Tricarico al Festival di Sanremo 2008, ai limiti di un'intonazione accettabile era stata comunque un bel momento di poesia nello squallore generale della manifestazione.

Ora però leggendo il testo mi son reso conto di una cosa che non capisco.
Ho sempre pensato che dicesse "verde sconfinata" (inteso come aggettivo riferito al sostantivo "vita") invece dice "verd'è sconfinata", con l'apostrofo e il verbo essere. Non credo sia un errore di stampa perché in tutti i siti di testi viene riportato così.

Io... voglio una vita serena
Perché è da quando sono nato... che è
Disperata... spericolata...
Però libera... verd'è sconfinata



Sul piano grammaticale la cosa non mi è molto chiara! Bho! :mumble:
VitaTranquilla.jpg





Bronze Reviewer (18 Bronze Award)



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8500
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Nillc » 31 agosto 2018, 08:12

Uhm, ammetto di non conoscere benissimo il brano, ricordo la linea melodica del ritornello... e basta :D

Onestamente l'unica cosa che mi viene in mente è che si possa trattare di un gioco di parole/omofonia, con un risvolto anche pratico per la metrica della canzone. In pratica la E finale della parola "verde" chiude una parte di verso e contemporaneamente si lega a livello sonoro a quella successiva; è la stessa cosa che succede in questa canzone al minuto 1:50, dove della parola "oramai" non viene cantata la I finale, ma la A diventa anche l'apertura del semiacuto di "A chi mi dice".



Nel caso di Tricarico, immagino, la cosa è un po' più complessa perché quella E è anche terza persona del verbo essere, quindi è funzionale non solo a livello sonoro, ma anche di significato :D in questo, il brano mi ricorda molto quelli del cantautore Dente, i quali sono pieni di simili artifici :)




Golden Reviewer (206 Golden Award)



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8500
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Sciogliendo trecce verde rame

Messaggio da Nillc » 01 settembre 2018, 10:12

Visto che Teone ha uppato questo topic, condivido con voi i miei pensieri circa un verso ambiguo di un brano della mai abbastanza compianta Amy Winehouse; in realtà in questo caso si tratta più che altro di una cattiva interpretazione dell'originale nelle traduzioni italiane, ma leggendo un po' in giro noto che la controversia esiste anche in inglese.



Il verso incriminato è il terzo della prima strofa, pochi secondi dopo l'inizio, che dice

"Five stories fire as you came"

In italiano questo verso viene quasi sempre tradotto con "Cinque storie, fuoco quando sei arrivato", interpretabile come "una volta trovato il proprio amore le relazioni trascorse vengano completamente dimenticate"; come ho detto inizialmente, anche molti siti inglesi sposano questa interpretazione.
La realtà è che quel verso è leggermente diverso, poiché "stories" è in realtà al singolare ("story"): si tratta di una frase idiomatica inglese per indicare quanti piani ha un palazzo : "a five story building" è "un palazzo di cinque piani".
Di conseguenza il verso sarebbe da tradurre con "Un incendio di cinque piani [è scoppiato] quando sei arrivato", metafora di una passione violenta e improvvisa ;)




Golden Reviewer (206 Golden Award)



Rispondi