Lara Croft Tomb Raider: Octagons

ULTIMA puntata online!

Condividete le vostre creazioni: disegni, fumetti, racconti, 3D, foto, musica o altro ispirati a TR e non / Show here your creations: art, paintings, comics, literature, 3D, photo, music or other inspired or not to TR
Avatar utente
bashira
Moderator
Moderator
Messaggi: 9597
Iscritto il: 27 luglio 2004, 15:00


Tomb Raider 4

Messaggio da bashira » 03 ottobre 2007, 22:36

Arghhhhhhhhhh sono in arretrato di tre giorniiiiiiiiiii...mi devo rimettere in carreggiata :D




Golden Reviewer (100 Golden Award)
| Avventuriero



Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 25235
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30




Tomb Raider 3 Gold

Messaggio da Blu » 04 ottobre 2007, 09:40

overhill ha scritto:Però! Ottimo titolo! Lo voto all'unanimità :D
Quoto :D .. mi piace molto 39_23


Brutta cosa che Belial si sia impossessato di Lilith (occhio a come scrivi "Racehl" :P ): ora, immaginando un possibile lieto fine con l'eliminazione del Signore della Guerra, la vedo dura il poter riuscire a salvare anche lei :| .. in tutto questo però non ho ancora capito il ruolo di Ivan: il primo Templare si era polverizzato dinanzi a lui perché era un uomo di fede o perché rappresentava altro? In questo finale ha avuto un ruolo molto marginale, per ora, speriamo che con Vanessa riescano ad inventarsi qualcosa per aiutare Lara, anche se attraverso la cupola-viva la vedo dura [:^]

Bellissime e ben descritte tutte le immagini/scene del racconto, sembra proprio di averle viste e non lette :D , dal risveglio di Belial, alle sue azioni, la trasformazione, ho quasi nelle orecchie il suono della sua voce :) .. brutta fine per Zalahir, onestamente meritava di finire meglio (ok, è un controsenso, ma credo si sia capito cosa intendevo :P )

Non vedo l'ora che arrivi stasera per leggere la fine di questo capitolo :D




Golden Reviewer (157 Golden Award)
| Predatore



Avatar utente
bashira
Moderator
Moderator
Messaggi: 9597
Iscritto il: 27 luglio 2004, 15:00



Tomb Raider 4

Messaggio da bashira » 04 ottobre 2007, 12:06

UUUUUUUUUUUUhhhhhhhhhh, mamma mia che puntate!!!
Terribile il Leviatano multi scolopendra, ma non difficile eliminarlo, visto che possedevano i tre ottagoni.. Ma ora?.. Belial/lilith/rachel Terribile. La immagino: bellissima, e ancor apiù malvagia. Ormai è il male ad essersi impossessato di lei. Come farà LAra?

E Ivan?. Come ha già detto Blu, cosa rappresenta a questo punto? " Amore..." ha visto in lui Belial... Amore perchè è un sacerdote? Amore per LAra? Chi è Ivan?

Ps: grazie per la dedica NIllc 3_284 è bello sapere che nei momenti difficili qualcuno ti pensa :)

A ri-PS: dì pure a Passione, la cugina di Calma, che condivido il titolo scelto per la trilogia: mi sembra azzeccatissimo :D




Golden Reviewer (100 Golden Award)
| Avventuriero



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8550
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 04 ottobre 2007, 13:12

@ Bash 3_191 ;)

Ancora qualche ora di pazienza e saprete tutto: che ruolo hanno Ivan e Vanessa e le sorti di Lara e di Rachel/Lilith/Belial ;)




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6086
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 04 ottobre 2007, 13:50

Pensa che sono agitato io che l'ho già letto! :asd:






Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8550
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 04 ottobre 2007, 21:26

Ecco a voi la PENULTIMA puntata di Octagons... dolceamara in molti sensi :|

Capitolo 15- Il Signore della Guerra (2/2)

“Nessuno si metterà tra me e te, Rachel... o dovrei chiamarti Lilith? O forse meglio... Belial?”
“Il nome non ha più importanza, tra poco non sarai in grado di usarne più nessuno.” disse soddisfatta la creatura “E nemmeno le armi ti serviranno a molto, temo. A meno che... beh, tu non voglia uccidere il tuo ragazzo...”
Lara si sentì invadere da una sensazione di gelo, mentre le facce di Felipe e di Ivan si sovrapponevano nella sua mente. Come faceva a sapere...?
Poi si ricordò di quello che era successo a Zalahir, e si impose di rimanere impassibile... ma era terribilmente difficile...
“Pensi di farmi paura?” chiese, e si stupì di quanto la sua stessa voce risultasse malferma.
“Oh, no, Croft... nessuno può farti più paura di te stessa... assassina... quante persone hai ucciso, oltre a mio fratello? Non ti sembra che siano un po' troppe?”
“No! Io non...” iniziò Lara, il cuore che martellava dolorosamente contro al petto.
“Ooooh, ma certo che no!” la interruppe la sua avversaria “Però anche tuo padre è morto... non per causa tua, magari, ma per quello che tu sei.... un'archeologa! Insegui il suo stesso nulla, ti metti in pericolo per cercare cose di cui non te ne farai assolutamente nulla... e per di più lasci che persone innocenti muoiano al tuo posto, pur di ottenerle!”
“BASTA!” gridò Lara, le lacrime di disperazione che le cadevano sulle guance.
“Oh, no, Croft, no che non basta!” rise Rachel “Ha forse detto “basta”, tua madre, quando si è immolata per te su quell'altare di pietra? O Felipe, quando hai dovuto distruggerlo assieme alla Lapis Aurea? O Natla, e Bartoli, quando li hai uccisi per impossessarti di quegli strani aggeggi millenari? No... ci sei passata sopra, tanti proiettili e via! E anche la tua morte dev'essere così: dolorosa... devi pagarla, pagarla, pagarla!”
Lara urlò. Cadde in ginocchio, la testa tra le mani come Zalahir poco prima.
“Patetico” rise Rachel “Vediamo di farla finita, forza... avanti... la pistola è lì, nella tua mano...”
Il braccio di Lara si mosse quasi meccanicamente... la fredda canna della pistola le sfiorò la tempia... il click del colpo che veniva caricato...
“NO!” una voce risuonò dal nulla. Rachel si ritrasse, spaventata, e un barlume di autocoscienza balenò nella mente di Lara. Era la voce di Ivan... ma come aveva fatto a oltrepassare la barriera dei demoni?
“Ivan...” mormorò Lara. Era come se quell'urlo le avesse versato nel cuore qualcosa di caldo, di immenso, che pianissimo le si spandeva in tutto il corpo...
“Non arrenderti, Lara!” Ivan stava piangendo, lo si sentiva... anche se la sua voce era così lontana “Ti sta solo mettendo contro le tue paure... ma tu sei più forte, Lara! Lo so, lo sai... non mollare... sei tu la più forte!”
“Taci!” gridò Rachel “O ti ucciderò seduta stante!”
“Ah, io non direi proprio” La voce di Lara risuonò così improvvisa che Rachel si girò di scatto, spaventata. Lara era davanti a lei, di nuovo in piedi, le mani sui fianchi e un'espressione rabbiosa di sfida sul volto. “Avevi detto che doveva essere una faccenda tra me e te. E così sarà.”
“Bene” ringhiò Rachel dopo un attimo di smarrimento “Dove eravamo rimasti, allora?”
“Oh, stavi semplicemente dicendo che sono un'assassina, e che se non uccido lascio morire le persone che mi amano. Beh, sai una cosa? Hai ragione. Hai perfettamente ragione, Rachel Lorraines.”
“Non pronunciare...!”
“Cos'è, ti fa paura il tuo vero nome?” Rachel ringhiò, determinata a non darla vinta a Lara. “Dicevo” continuò l'archeologa “che hai ragione, sono un'assassina. Ho ucciso persone malvagie, che volevano impossessarsi di oggetti dal potere immenso per i loro perfidi fini... li ho uccisi, e con la loro morte ho salvato milioni di vite innocenti. Quanto a chi ha perso la vita per me... beh, evidentemente ne valgo la pena. Evidentemente qualcuno mi ha amato, a differenza di te.”
“Charon mi amava!” urlò furiosa Rachel.
“Gabriel, tuo fratello, amava Lilith, quello che eri diventata per la frustrazione di aver visto tuo padre morire per mano delle forze del male! Quelle che tu, incapace di affrontarle come ha fatto Vanessa, hai abbracciato!”
Un'espressione di panico si formò per la prima volta sul volto di Rachel. Per un attimo, i suoi occhi verdi balenarono nel nero degli occhi demoniaci di Belial.
“Noi siamo quello che siamo nati per essere” continuò Lara “Non quello che scegliamo di diventare perché è più comodo, piuttosto che affrontarle. Io seguo l'ideale per il quale sono nata. Ho abbracciato il mio destino. Tu hai rifiutato il tuo e te ne sei creato uno. E cos'hai avuto in cambio? La morte di tuo fratello!”
“Tu lo hai ucciso!” gridò Rachel, avventandosi su Lara. Dalle mani le uscirono degli artigli, che ferirono l'archeologa ad un braccio prima che lei potesse afferrarle e stringerle saldamente. Lara tirò la ragazza a sé in modo che i loro visi si sfiorassero.
“Sai una cosa? Io non ho ucciso tuo fratello” disse Lara “Tentavo di salvarlo da uno scheletro. Un demone. Quello di cui tu ti sei data un nome, e che hai accettato nel tuo corpo, ora. Le forze del male a cui tu ti sei votata hanno ucciso Gabriel, non io!”
“Bugiarda!” gridò Rachel, ma la rabbia era quasi totalmente sparita dalla sua voce per lasciar spazio al terrore.
“E' così!” gridò Lara, ancora più forte di lei “Chi deve aver paura di se stessa, allora, io o tu?”
Rachel gridò, dolore e rabbia mescolati assieme.
“Io non sono cattiva, Rachel” disse Lara, con un tono più dolce “e nemmeno tu lo eri davvero. E nemmeno Gabriel. Mi spiace tanto... ma tu hai scelto di essere un demone. Io ho scelto di essere Lara Croft. Una Tomb Raider.”
Rachel cadde con le ginocchia a terra, ululando. In quel momento esatto, la cupola di fuoco attorno a loro si dissolse, e si ritrovarono di nuovo nel buio della caverna, dove un attonito Ivan e una pallida Vanessa li videro arrivare con spavento.
Il corpo della ragazza ricadde esanime, l'ombra di Belial sparì da esso e si ricompose, tremante e acquattato su se stesso, a poca distanza. Lara aveva il fiatone.
“Che cosa è successo?” chiese in un rantolo Belial “Cosa non è andato?”
“Semplice, Signore della Guerra: per la seconda volta in... uhm, diciamo cinque millenni... sei stato battuto” replicò Lara “Ma stavolta in via definitiva.”
“E' impossibile!” gridò rabbiosamente il demone “Io non... non posso essere battuto!”
“Beh, rassegnati all'idea allora” lo rimbeccò Lara “e la prossima volta, conta sulle tue risorse, non su quelle altrui... che, come vedi, portano solo rogne!”
Lara sentì uno sciacquio alle sue spalle. Si girò e vide il Leviatano, ma stavolta non ne ebbe paura. Il mostro era lì, fermo, in attesa di ordini. La ragazza annuì, e tornò a girarsi verso Belial.
“Salomone era un re giusto, e probabilmente ritenne consono risparmiarti e rinchiuderti in prigione piuttosto che eliminarti del tutto” disse Lara, alzando in aria un braccio “Ma... sai una cosa? Io non sono re Salomone. Hasta la vista!”
E, così dicendo, col braccio che aveva alzato descrisse una specie di frustata in aria. A quel comando, il Leviatano ringhiò, e andò a schiantarsi con tutto il suo peso su Belial, che urlò di terrore. Il Signore della Guerra, colui che poteva comandare le paure dei suoi avversari, aveva dovuto soccombere alle sue.
Le mille scolopendre che formavano il Leviatano si dispersero nel lago, lasciando al posto del demone nient'altro che una macchia di terra bruciata.

“Lara, sta crollando tutto!” gridò Ivan, correndo verso l'ingresso della caverna, ed era vero: dei grossi massi si stavano staccando dal soffitto, e cadevano per terra o nel lago, sollevando alte onde. Lara fece per imitarlo, ma poi si fermò: vide Vanessa parlare alla sorella, che sembrava avere ancora un barlume di vita. Corse da loro.
“Forse ce la facciamo a salvarla” disse.
“Non dire sciocchezze... Croft...” mormorò Rachel, con un vago sorriso “Questa sarà la mia tomba, lo sai meglio di me.”
“Non dire così!” gemette Vanessa, ma Lara sapeva che sua sorella aveva ragione. Se anche fossero riuscita a trasportarla via in tempo, sarebbe morta subito dopo, un po' per l'elettrochoc, un po' per la possessione di Belial.
“Vanessa... ti prego, perdonami” disse Rachel “E perdona anche Gabriel. Lara aveva ragione... non è stata lei ad ucciderlo, ma io... e un po' lui stesso, con le nostre teorie sui demoni e sulla nostra onnipotenza. Perdonaci. Avremmo dovuto fare come te. Vai, ora...”
“No!”
“Vai!” disse Rachel, scoppiando a piangere. Le lacrime di sua sorella convinsero Vanessa a fuggire. Con un'ultima occhiata a sua sorella, Vanessa raggiunse Ivan.
“E tu... tu mi perdonerai, Croft?” chiese Rachel a Lara.
“Cosa, Rachel? Non ho nulla da perdonarti. Eri accecata dall'amore per tuo fratello, quando mi hai accusata di avertelo ucciso... e forse ho esagerato, prima, ma era necessario per cacciar via Belial.”
“Già” rispose l'altra “Ma dimmi... è stato Zalahir a uccidere mio padre, vero?”
Lara strinse le labbra. Una pena immensa le impedì di rispondere alla donna. Questa, dopo aver scrutato a lungo Lara, distolse lo sguardo e chiuse gli occhi. Quando li riaprì, molte lacrime ne uscirono, rigandole le guance.
“Credi... credi che andrò in un bel posto?” chiese.
“Oh, sì, bellissimo” disse Lara, ricordandosi quando lei stessa, poche settimane prima, ci si era trovata. “E... la sai una cosa? Se anche non dovessi trovarlo bello, sono sicura che tu lo saprai rendere tale.”
Le due donne scoppiarono a ridere... ma Rachel si spense mentre rideva, il sorriso ancora stampato sul suo volto, lo sguardo lacrimoso perso nel vuoto. Lara, triste, le chiuse gli occhi.
“Lara, vuoi venire via?” gridò Ivan.
“Solo un momento” disse Lara, asciugandosi gli occhi “Devo fare un'ultima cosa, qui.”

“I tre ottagoni” disse caldamente Lara mostrando soddisfatta le tre reliquie a Vanessa e a Ivan. “Non servono più ormai, ma penso che ce ne meritiamo uno ciascuno... anche come monito. Essere noi stessi non è sempre facile.”
Ivan e Vanessa ne presero uno e lo misero da parte. I tre si trovavano presso la Moschea della Roccia, a pochi metri dallo scavo, la cui entrata era franata poco dopo la loro uscita.
“Vanessa” disse Lara “mi spiace per... tutto quello che è successo”
“No” disse lei rassegnata “non c'è nulla di cui spiacersi. Avevo perso i miei fratelli molti anni fa... e poi, almeno so che mio padre aveva ragione su tutto” sorrise mestamente. Lara non ebbe il cuore di dirle che suo padre era stato ucciso da Zalahir in persona, il suo ex datore di lavoro. Un attimo dopo, la sua collega si voltò a guardarla, lo sguardo interrogativo e innocente come quello di una bambina:
“Secondo te perché il Leviatano non mi ha uccisa?” chiese. Lara ci pensò un attimo.
“Penso... penso che lui sapesse che sarebbe andata a finire così.” rispose Lara. Questa era la risposta meno dolorosa tra le mille che le si erano affollate nella mente. Vanessa la accettò, e abbozzò un sorriso.
“Dai, adesso si torna a casa” disse Ivan “pensi di continuare con il mestiere di archeologa?”
“Oh, no!” disse quasi indignata la ragazza “in questi giorni ne ho avuto davvero abbastanza per le prossime quattro vite. Mi dedicherò alla ricerca adesso, e senza l'embargo di Zalahir potrò pubblicare gli scritti di mio padre. Finalmente tutti potranno rendergli onore.”
Lara e Ivan sorrisero. Vanessa si alzò con cautela e disse che sarebbe tornata alla missione: il tempo di organizzarsi, e sarebbe tornata a casa. Gli altri due la salutarono. Poco dopo, Lara la imitò, ma Ivan la trattenne per un braccio. Era visibilmente rosso in faccia.
“Lara... dovremmo parlare, penso.” disse. Lara lo scrutò stranita.
“Vedi... quando tu mi hai detto di... ehm... toccare quel... quella specie di macchinario... giù al Tempio... io... io non l'ho fatto, perché...”
“Oh, quello!” rise Lara “Avanti, non dirmi che credevi all'iscrizione?”
Il ragazzo sembrava spaesato. Lara se ne accorse, e si rese conto anche che una delle cose che amava in lui era proprio la sua semplicità, la timidezza di chi aveva scelto l'innocenza piuttosto che la vita facile ma dissoluta..
“Beh, non fartene una colpa, era davvero spaventosa” rise la donna per mettere il suo amico a proprio agio “Ma in realtà la storia dei peccatori non c'entra niente. Quell'aggeggio, l'altare con il vaso... Si trattava di una specie di rudimentale Gabbia di Faraday: se chi l'avesse toccata portava con sé delle armi di metallo, sarebbe morto folgorato, e siccome di solito i peccatori hanno con sé delle armi...”
Ivan fece una faccia sbigottita, come se Lara gli avesse appena detto che Natale cadeva ad Agosto.
“Quindi... quindi, quando hai chiesto a me...”
“...Potevi anche aver peccato e non saresti comunque morto, sì” gli sorrise l'archeologa “tu e Vanessa eravate gli unici disarmati.”
“Oh, mamma, mamma, mamma!” imprecò Ivan, portandosi le mani al volto.
“Perché, quale peccato credevi di aver commesso?” chiese maliziosa Lara, inarcando un sopracciglio.
“Io... beh, ecco... io...” si schiarì la voce e prese il coraggio a quattro mani “Lara, io ti ho desiderata. Anzi, a dir la verità, sei la donna che ho sempre sognato... e io... io farei follie, per te, ecco, l'ho detto!” Ivan era rosso in faccia, e completamente sudato.
Lara lo guardò e sospirò in un sorriso.
“Ivan, sei un ragazzo fantastico, davvero” disse Lara “Se non fosse stato per te, il Templare mi avrebbe uccisa... per non parlare di Belial, poi. E hai dimostrato coraggio e valore oltre ogni previsione. Devo dire che in un'altra circostanza accetterei la tua corte senza pensarci!”
Lara scoppiò in una risata che mise ancor più a disagio il suo amico.
“Il punto è che forse con me non ti sentiresti al tuo posto, Ivan...” spiegò l'archeologa.
“Io dico di sì, invece...”
“Ah, tu dici?” Lara si portò le mani ai fianchi, fintamente indignata “e tutti quei bimbi che ti investivano gridando “Don Ivan! Don Ivan!” dove li metteresti, a Croft Manor?”
Ivan rimase senza parole.
“Lasciamo perdere, Ivan, le cose sono già complesse così come sono, e complicarcele ulteriormente non sarebbe saggio. Niente e nessuno ci vieta, però, di essere buoni amici” disse Lara, e gli schioccò un dolce bacio sulla fronte. Ivan rimase per un attimo interdetto, poi si sciolse in un sorriso felice.
“Beh!” disse Lara alzandosi di scatto “Credo proprio che tocchi a me andar via, ora. Sono stata troppo tempo lontana da casa, ultimamente.”
“Ci rivedremo?” chiese un po' triste Ivan.
“Ma certo... tanto il mio numero di telefono lo sai... e ora che ci penso, ho anche un conto in sospeso con Bryce...”
Ancheggiando, l'archeologa si allontanò. Per un attimo, Ivan poté giurare di aver visto il bagliore di un oggetto di alabastro provenire dal suo zainetto.

------------------------------------------------
Come si concluderà la terribile, bellissima storia degli Ottagoni? Scopritelo nell'ULTIMA PUNTATA di Octagons, online domani in esclusiva su ASP.com!




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
bashira
Moderator
Moderator
Messaggi: 9597
Iscritto il: 27 luglio 2004, 15:00



Tomb Raider 4

Messaggio da bashira » 04 ottobre 2007, 22:10

Bella e struggente puntata. Anche se io, in lara, un peccatuccio al prete lo avrei fatto pure fare :asd:

Aspetto domani per il finale e relativi commenti :D




Golden Reviewer (100 Golden Award)
| Avventuriero



Avatar utente
Fil
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 2048
Iscritto il: 27 novembre 2005, 15:33



Tomb Raider 2

Messaggio da Fil » 04 ottobre 2007, 23:16

Ecco mi sono rimesso in pari! Oddio non so cosa dire...è tutto troppo stupendo...questa puntata poi...incredibile, bellissima, tristissima...e lo confesso senza vergogna: ho pure pianto! :cry: Nillc sei incredibile...davvero!






Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8550
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 05 ottobre 2007, 08:10

Ehm, piccola correzione :D
“Cos'è, ti fa paura il tuo vero nome?” Rachel ringhiò, determinata a non darla vinta a Lara.
Ovviamente è LARA che ringhia per non darla vinta a RACHEL :D:D:D scusate tutti ;)




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 25235
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30




Tomb Raider 3 Gold

Messaggio da Blu » 05 ottobre 2007, 09:41

Fil ha scritto:...questa puntata poi...incredibile, bellissima, tristissima...e lo confesso senza vergogna: ho pure pianto! :cry:
Quoto :D .. emozionantissima, bellissima e travolgente puntata :D .. in un certo senso Lilith/Rachel si è pure salvata per cui sono doppiamente contenta :D

Straordinaria la scena in cui Lara comanda il Leviatano e molto sofferta quella iniziale con la "tortura mentale" da parte di Rachel/Belial quasi subito abilmente ritorta contro di lei, anche se avrei fatto durare la scena poco poco di più :) : i dubbi in Lara erano sorti già da qualche puntata, per cui facile immaginare che Belial abbia avuto la strada spianata nel suo infiltrare sensi di colpa in lei, ma viste le premesse (tutti i discorsi fatti pre-romanzo con la "crisi" che avrebbe affrontato Lara) avevo immaginato che la parte "intima", le sue riflessioni, avessero uno spazio maggiore :P , non so se come analisi dei pensieri e delle immagini che potevano formarsi nella sua mente o se sotto forma di confessione parlata, ma l'immaginavo un po' più "centrale", mentre è stata rapida quasi quanto il convincere al suicidio Zalahir, si brucia tutto in pochissime righe.. a livello cinematografico i "tempi" sono perfetti :) , sarebbe sicuramente stata una scena tagliata, ma nel romanzo forse le avrei dedicato qualcosa in più (ne hai quasi parlato di più quando facevi auto-spoiler [:^] )

Il ritmo e la storia comunque non subiscono minimamente il colpo :) , quindi non prenderla come critica :P , probabilmente l'ho vista/vissuta così proprio per le attese che hai creato tu stesso fin dall'inizio [:^] .. se non pensiamo al fatto che "sapevamo" che sarebbe arrivato questo momento credo che la scena possa andar bene anche così, è meno intima e drammatica dal punto di vista della "donna", ma come scena d'azione è perfetta :D


Tornando al racconto resta il dubbio se Ivan fosse solo frutto della coscienza di Lara (dentro la cupola) o se le sue urla provenissero da fuori (più probabile visto che le sentiva anche Rachel/Belial), ma sono riuscite ugualmente ad andare a buon fine (il capovolgimento della scena è straordinario :D , anche se velocissimo [:^] )


PS: .. ma l'oggetto di alabastro che fa capolino dal suo zainetto l'ha soffiato nel Tempio di Salomone [:^] :D ?




Golden Reviewer (157 Golden Award)
| Predatore



Avatar utente
bashira
Moderator
Moderator
Messaggi: 9597
Iscritto il: 27 luglio 2004, 15:00



Tomb Raider 4

Messaggio da bashira » 05 ottobre 2007, 09:42

Nillc ha scritto:Ehm, piccola correzione :D
“Cos'è, ti fa paura il tuo vero nome?” Rachel ringhiò, determinata a non darla vinta a Lara.
Ovviamente è LARA che ringhia per non darla vinta a RACHEL :D:D:D scusate tutti ;)
mi era sfuggito :D Avevo , per istinto, capito che era Lara a parlare e non ho fatto caso all'errore. Peccatoooooooooo... mi sono persa un'occasione per bacchettartii :D

ncredibile, bellissima, tristissima...e lo confesso senza vergogna: ho pure pianto!
Hai ragione Fil, una puntata piena di pathos e rivelazioni, non può far altro che emozionare :)




Golden Reviewer (100 Golden Award)
| Avventuriero



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8550
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 05 ottobre 2007, 15:14

Blu ha scritto: PS: .. ma l'oggetto di alabastro che fa capolino dal suo zainetto l'ha soffiato nel Tempio di Salomone [:^] :D ?
Chissà :D ti posso garantire però che lo scoprirai... del resto manca ancora una puntata! ;)

Per quanto riguarda il discorso della velocità della scena finale, in effetti è giustissimo quello che dici, Blu, e anche nei miei piani originari avrei voluto farla durare di più... tant'è che l'ho riscritta diverse volte, aggiungendo o togliendo man mano qualcosa, apportando modifiche anche pesanti.
Il punto è questo: volevo una battaglia diversa dal solito, senza pistole e basata sulla dialettica, in modo che Lara dimostrasse di valere anche sul piano intellettual-sentimentale; il problema è che ogni volta che scrivevo e mi dilungavo (nella prima stesura tutta la battaglia e l'uscita dal Tempio si prendevano addirittura un capitolo a parte!), non ero soddisfatto dal risultato in quanto finivo sempre con l'allontanarmi troppo dalla Lara genuina che tutti conosciamo, finendo addirittura per ridicolizzarla.
Così ho optato per questa scena un po' "frettolosa", che però mi è sembrata il giusto compromesso tra le mie velleità e quello che invece potevo fare senza snaturare la nostra Lara... è vero, forse avrei potuto osare di più, ma il risultato non mi sarebbe piaciuto ;)

Per quanto riguarda la crisi di Lara, inoltre... beh, chi l'ha detto che è finita? Vi ricordo che manca ancora una puntata, e Lara ha molte cose da "rimettere a posto"... :D:D:D

PS: la scena in cui Lara scaglia il Leviatano contro Belial la amo parecchio, perchè è molto simbolica... dovete sapere che io ho due fobie: le meduse e, appunto, le scolopendre... quindi è come se attraverso Lara sia riuscito a dominare una delle due :D
Per la cronaca, sono stato combatttuto anche nello scegliere se il Leviatano doveva essere quello che avete letto o un'enorme medusa :D




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8550
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 05 ottobre 2007, 21:30

Con una piccola lacrima sul viso, ecco a voi l'ULTIMA PUNTATA di Octagons... Salutiamo la nostra Lara, appuntamento alla prossima avventura!!

Epilogo- Croft Manor

Hillary era assolutamente nervoso, e non era la prima volta nell'ultimo periodo.
Lara, seduta su un divano con un grosso libro sulle ginocchia, i capelli sciolti, due spessi occhiali da lettura e un completino di cachemire azzurro, sembrava una qualsiasi bibliotecaria. Il maggiordomo spolverava di qua e di là attorno a lei, con un'espressione torva.
Ad un certo punto, emise un verso irato. Lara si girò verso di lui, si tolse gli occhiali e disse:
“E' la quarta volta che tossisci, Hilly. Vuoi una mentina o la mia attenzione?”
“Io? La tua attenzione? Oh, ma per carità.”
Lara inarcò un sopracciglio.
“Hilly...?” disse minacciosa.
“Oh, insomma, Lara!” gemette Hillary “Sei qui da tre giorni e ancora non è successo niente! Permetti che mi preoccupi?”
Lara lo guardò a bocca aperta.
“Potrei anche offendermi, sai?” disse “Prima ti innervosisci perché succedono troppe cose, poi perché non ne succedono... avresti bisogno come minimo di una bella tazza di camomilla! E, a proposito, attento con quel vaso” indicò il piccolo oggetto di alabastro che il maggiordomo stava spolverando “Era quello in cui re Salomone rinchiuse il demone Belial.”
Hillary lo guardò stranito per un attimo, poi cacciò un urlo e fece un balzo terrorizzato all'indietro.
Lara scoppiò a ridere.
“Non è divertente, Lara!” disse il suo amico, risentito “Non è... affatto... divertente!”
Il ragazzo era scomposto e ansante. Lara gli si avvicinò amorevole e gli sistemò il papillon.
“Oh, avanti, tesoro...” disse suadente “Ho solo bisogno di un po' di riposo, tutto qui... Un paio di settimane, un mese al massimo, e tornerò quella di prima. Guarda, ti do anche una bella notizia” annunciò Lara “Ho intenzione di organizzare una cena!”
“Una... cosa???” Hillary guardava la sua datrice di lavoro come se fosse fatta di sale.
“Una cena” ripeté spazientita Lara “sai, uno di quei momenti in cui ci si siede tutti insieme ad un tavolo e si mangia, si beve, si ride...”
“Ma... ma, ma, ma, ma Lara!” balbettò Hillary “Tu non hai mai dato una cena in vita tua! Oh mio dio, mi stai davvero preoccupando... devo chiamare un medico?”
“Ma smettila!” disse Lara, ridendo “Dì piuttosto al nostro operatore telefonico di chiamare Vanessa Lorraines, Ivan Monteduro, Jamie ed Elaine Hawkins, e poi... ah, sì, Thomas Harlington e Kathe Bahofen, ovviamente...”
“Non ti disturbare, amico” biascicò una voce alle loro spalle, e un Bryce decisamente poco a suo agio fece la sua comparsa nel salotto di Croft Manor “Sono già qua. Lara, per quanto ancora dovrò stare alla centralina del telefono? Mi manca troppo la Tecnosala!”
“Finché non avrai imparato a non dare indicazioni sui miei spostamenti a nessuno, Bricey” rispose Lara soave.
“A proposito” disse annoiato il ragazzo “Ha appena chiamato Anaya... ha detto che ha trovato una traccia interessante a proposito della Via della Seta...”
“La... Via della Seta?” disse Lara. Il suo volto si illuminò di immenso.
“Già” confermò Bryce “proprio quella”
“E me lo dici così? Oh mio dio!” disse Lara, chiudendo il librone, togliendosi gli occhiali e gettando l'uno e gli altri alla rinfusa sul divano “Hillary, presto, preparami l'armamentario! E tu, Bryce, contatta il mio pilota! Parto stanotte!”
“Cosa?” disse Hillary “E... e la tua cena? E il riposo che volevi...?”
“Oh, c'è tempo per quelli, farò tutto più in là” disse Lara frettolosamente, lasciando intendere l'esatto contrario “non posso rinunciare a ritrovare la Via della Seta!”
E in due balzi fu al piano superiore, in camera sua.
Bryce e Hillary si guardarono, scrollando le spalle.
“Non si smentisce mai” dissero, assieme.

Lara era pronta: canotta verde, pantaloncini marroni, lo zainetto e le pistole ai loro posti. Si diresse verso il portone di Croft Manor, quando improvvisamente fu attratta da un particolare che non aveva mai notato.
Uno specchio, un semplice specchio oblungo, stava a pochi passi dal portone. Chissà chi ce l'aveva messo, forse Hillary.
Lara si guardò, come se per la prima volta nella sua vita stesse scavando non nel passato, non in una tomba... ma in se stessa.
Non sapeva cosa stesse cercando... ma fu contenta di trovarci nient'altro che lei stessa. Lara Croft. La Tomb Raider.
Sorrise al suo riflesso, quindi aprì il portone e si incamminò verso la sua nuova avventura.
La luna era alta, e la notte era fresca.



ImmagineFINEImmagine


Immagine






Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6086
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 05 ottobre 2007, 22:27

:approved:






Avatar utente
Lucaraider
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 2990
Iscritto il: 22 aprile 2007, 20:07



Tomb Raider 3

Messaggio da Lucaraider » 05 ottobre 2007, 22:44

:approved: copia incolla copia incolla






Rispondi