"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Condividete le vostre creazioni: disegni, fumetti, racconti, 3D, foto, musica o altro ispirati a TR e non / Show here your creations: art, paintings, comics, literature, 3D, photo, music or other inspired or not to TR
Rispondi
Avatar utente
zaffiro
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 314
Iscritto il: 17 marzo 2012, 10:46

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da zaffiro » 17 marzo 2017, 15:19

Come un buon jumpscare, eccomi qui a farvi prendere un colpo... con un romanzo di fantascienza di più di quattrocento pagine.
In realtà sono in corso le ultime operazioni (da parte di Createspace) ed è fatta.

Il teaser lo troverete non in un video... ma in un racconto contenuto ne "I Mal Benedetti", che però non fa parte dell'estratto dell'antologia pubblicato su Amazon. E comunque sarebbe solo una parte del vasto universo di trame e tematiche racchiuse in questo libro!

Il trailer invece è già qui.
[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=S1KQwUp ... apoQppCqDY[/youtube]

La trama è questa: "Al centro di quest’opera, frutto di quattro romanzi inediti scritti nel corso di più di cinque anni, ci sono Kaelynn Davidson, Ashelynn Johnson e Laura Miller. Stanno intraprendendo un viaggio che dovrebbe portarle in Sicilia e un percorso che dovrebbe portarle alla verità sulle loro origini, ma chissà se ce la faranno... tutte e tre?"

Come gli altri libri, anche questo è quello che in gergo videoludico sarebbe un PEGI 18, per via di alcune tematiche più adatte a persone mature.
Ci risentiamo presto appena ho i link. Intanto ho aggiornato quello del mio sito, così stiamo tutti sulla stessa pagina (http://chibeco.altervista.org/Scrittura/Libri.html).




Avatar utente
zaffiro
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 314
Iscritto il: 17 marzo 2012, 10:46

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da zaffiro » 19 marzo 2017, 10:41

Fatto!
https://www.createspace.com/6630457
https://www.amazon.it/dp/1539411737/ref ... condorelli
Resta inteso che qui cito solo l'Amazon italiano, ma che esiste anche su Amazon.com, eccetera, nonché su altri distributori ufficiali (per cui ci vorrà più tempo). Comunque, su Createspace e Amazon già c'è!
E sì, costa 21.49 dollari, che per 424 pagine e un formato 7x10 cm (lo stesso dei miei libri precedenti) mi sembra più che appropriato. A risentirci!
10_37




Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 24228
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30

  • E..state con ASP.com 17
    • Blu
      3
      154
      09 Jul 2017
      Predatore / Crew
      400 (10 RP Bonus)
      2/9
      3
      [20x20x20 Square Challenge 2011] Greece Artefact
      0/0
      190/260


Tomb Raider 3 Gold

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da Blu » 20 marzo 2017, 14:17

Caspita :D , iperattiva :) .. magari se pensi a un prezzo di copertina così alto ti converrebbe pubblicarne un estratto, giusto per invogliare i lettori/acquirenti che non ti conoscono ancora, non vorrei che il prezzo alto ne scoraggiasse l'acquisto :P , credo che in questo momento la cosa importante sia farti conoscere :) , per cui più persone sono portare ad acquistare e al passa parola del libro meglio è :)

PS: potresti pensare in alternativa di pubblicare qualcosa di tuo (anche solo un racconto, inedito o facente parte de "I Mal Benedetti") in digitale (se su Amazon per Kindle) ad un prezzo irrisorio o, magari per alcuni giorni gratuito, in modo che ti si possa conoscere e poi decidere di investire in un romanzo che comporti una spesa maggiore :)




Golden Reviewer (154 Golden Award)
| Predatore

Avatar utente
zaffiro
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 314
Iscritto il: 17 marzo 2012, 10:46

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da zaffiro » 20 marzo 2017, 18:20

Ciao, Blu.
Comprendo il tuo ragionamento. E se io fossi un'esordiente totale che non ha mai partecipato neanche a un mezzo concorso letterario, ci concorderei. :) Ma...
1) come ho detto prima, se metto un prezzo di copertina così alto, è perché il formato è praticamente gigante (pesa quasi un chilo, stando ad Amazon) e sono 424 pagine, il che significa che, in un formato più tradizionale, sarebbero tipo 800 pagine;
21_58
2) l'estratto dei "Mal Benedetti" è su Amazon (e no, non so perché hanno messo quello dell'estratto Kindle, invece che della versione normale). Non è stata una mia decisione, è stato un processo automatico dello stesso Amazon, ma ne approfitto più che volentieri, e già questo estratto è indicativo dello stile e dei generi che tratto di solito, anche se quello direttamente collegato a questo libro non c'è (ma come ho detto, "Stelle in Alta Definizione" non è assolutamente un seguito dell'antologia, anche se sviluppa uno dei suoi racconti). Peraltro, avevo messo l'edizione Kindle dell'antologia a 2.99 dollari fin dalla data della sua pubblicazione (settembre del 2016), e 2.99 mi sembrava a dirla tutta una cifra irrisoria, ma ci ho provato, ho aspettato (facendo nel frattempo pubblicità dovunque potessi), non ho ottenuto alcun riscontro ad oggi e solo allora ho preso la decisione di metterla a 6.99. Fosse per me neanche sarebbe esistita un'edizione Kindle, ma ne ho creata una, con tutte le difficoltà che mi ha comportato far aderire il testo agli standard delle edizioni digitali, come carattere, formato e indice... e solo perché avevo pensato che era il primo libro che pubblicavo e che così mi facevo conoscere un po' di più 42_98 ... ma niente da fare;
3) è dal 2011 che sarei nota come scrittrice (difatti nel sito personale ho riportato ogni singola composizione con cui ho partecipato ai concorsi letterari, anche anteriormente al 2011). Mi riferisco sopratutto a questo racconto: http://chibeco.altervista.org/Scrittura/Extra_1.html. Ha partecipato al “Premio Letterario Il Giardino di Babuk - Proust en Italie”, giusto dell'anno scorso, quindi la possibilità di sapere qual'è il mio stile attuale, o quantomeno quello che ci va più vicino, mi sembra più che garantita, estratto dell'antologia a parte. :approved: E poi tieni conto che i link che portano al mio sito e alle mie altre pagine ce li metto sempre, anche su Amazon (devi vedere la sezione biografia). Se non sono poi così conosciuta, malgrado i mezzi impiegati (profilo LinkedIn come mossa più recente)... non pensi che sia perché... rullo di tamburi... pochi sono davvero interessati a conoscermi? :lol: Dopotutto, basta digitare il mio nome completo su Google e i risultati mica sono pochi; :secret:
4) se dovessi pubblicare un qualsiasi estratto di questo romanzo in particolare, sarebbe uno spoiler che rovinerebbe tutto :shock:, al di là della gelosia che ho per le mie idee (che poche non sono) che sfocia quasi nella paranoia (e purtroppo i fatti mi danno straragione, perché ho compilato una quantità non indifferente di reclami DMCA, fin da quando ho messo in rete il mio cd musicale :( ), perché è tutto ben concatenato (come il mio crossover TR/DW, con la differenza che qui non ci sono viaggi nel tempo :asd:, perché non volevo complicare ulteriormente una trama già di per sé complicata).

Spero di aver risposto in maniera soddisfacente a quanto mi hai scritto. :)
Alla prossima! :hello:




Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 24228
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30

  • E..state con ASP.com 17
    • Blu
      3
      154
      09 Jul 2017
      Predatore / Crew
      400 (10 RP Bonus)
      2/9
      3
      [20x20x20 Square Challenge 2011] Greece Artefact
      0/0
      190/260


Tomb Raider 3 Gold

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da Blu » 20 marzo 2017, 18:55

zaffiro ha scritto: Spero di aver risposto in maniera soddisfacente a quanto mi hai scritto. :)
Direi di sì, sembra che tu abbia le idee molto chiare :) , in bocca al lupo allora :D




Golden Reviewer (154 Golden Award)
| Predatore

Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 7903
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da Nillc » 20 marzo 2017, 19:19

Cara Zaffiro, da persona che lavora spesso e volentieri "dietro le quinte", e che segue l'andamento (purtroppo sempre più declinante) dell'editoria italiana (non che quella mondiale sia messa meglio, beninteso), mi permetto di darti qualche consiglio. Perdonami se alle volte ti sembrerò duro o drastico, ma purtroppo la situazione è quella che è, i sogni spesso e volentieri si scontrano con una realtà che non cessa mai di peggiorare.
Mi sembra che la tua intenzione, al di là di un qualsiasi ritorno economico, sia principalmente quella di farti conoscere, di raggiungere lettori che possano recepire le tue storie e trarne un giovamento... bene, purtroppo anche questa cosa, allo stato attuale, resta molto difficile.
Scrivono tutti e soprattutto tutti pubblicano, servizi come quello Amazon o altri self-publisher sembrano così grandiosi nelle intenzioni, ma poi a ben vedere uccidono la qualità. Del marasma di autori o presunti tali che ogni giorno si autopubblicano, alle volte spendendo anche molti soldi di tasca propria, il 99,9% NON sa scrivere. Dello 0,01% di autori realmente bravi e che hanno da dire qualcosa, ahimé, la massima parte verrà fagocitata da questo sistema perverso che non premia nessuno. E a prescindere da questo, qualsiasi sia il grado di bravura dello scrittore, in una confusione del genere quello che si ha da dire arriverà sì a qualcuno, ma per la legge dei grandi numeri e non in seguito a un percorso dettagliato, strutturato e coerente fatto anche di marketing e promozione.

Tu dici di non essere una completa esordiente perché il tuo nome figura negli elenchi di partecipanti a concorsi. Perdonami la metafora spietata, ma è come equipararsi a un laureato perché ci si è iscritti all'università, si sono sostenuti gli esami ma non si è data la discussione finale. Magari si è pure più bravi di un laureato, ma alla fine non si viene riconosciuti come tali.
Stessa cosa per l'editoria: in sede di curriculum non conta se tu abbia dieci, venti o cento concorsi all'attivo, contano le pubblicazioni e nemmeno tutte. Se hai speso 1000€ per autopubblicarti una tiratura da 500 copie dal gruppo Albatros, gli editor ti ridono in faccia. Se hai pubblicato tramite Amazon o YouPrintIt, è meglio che non glielo fai nemmeno sapere. I concorsi? Sì, ci stanno, ma devono essere almeno del livello "Scuola Holden", e in ogni caso un conto è essersi piazzati quarti, un altro quattordicesimi e un altro ancora quattrocentesimi. In poche parole, come per qualsiasi lavoro, bisogna fare gavetta, mettere il proprio talento a pari passo con la ricerca personale, stilistica ed editoriale, e scegliere con criterio quali esperienze intraprendere e quali è meglio lasciare da parte. In poche parole, essere imprenditori di se stessi.
Questo perché le case editrici sanno bene che se non c'è interesse da parte del lettore, il ritorno sull'investimento non ci sarà, e nessuno si può più permettere di rischiare come accadeva una decina d'anni fa.
Paradigmatico è il caso di Over: numerosi libri pubblicati da un piccolo editore, due autopubblicati, solo con l'ultimo si è aperto alla media editoria e ovviamente il discorso è cambiato. Solo ora sta avendo un minimo di ritorno di pubblicità, partecipazione alle fiere e i festival, prima edizione esaurita e seconda in ristampa, recensioni da critici di livello più alto...
E io penso che lui si sia sempre mosso in maniera esemplare. Ci sono voluti dieci anni, ma alla fine ce l'ha fatta, e io personalmente sono orgoglioso del suo percorso autoriale.
Tutto questo senza parlare di soldini, perché aprendo questo discorso si aprono contestualmente certe voragini che farebbero deprimere un quokka!

Questo che ho fatto fino ad adesso è un discorso generale; di tuo ho letto solo alcuni racconti diversi anni fa, quindi preferisco basarmi su quello che leggo attualmente in questo topic.
La scelta di autopubblicarti su Amazon e altri marketplaces, come avrai capito, non la condivido per quanto su esposto... però la rispetto.
Per prima cosa, non so se il prezzo lo abbia scelto tu o sia stato generato automaticamente in base al numero di pagine, ma è davvero troppo elevato. Prova a metterti nei panni dell'eventuale acquirente: di fronte a un libro, chi mai penserebbe "Sì, costa molto, però è giusto che costi molto perché è grosso!"? Peraltro io adesso sto leggendo un'antologia di Marguerite Yourcenar, sono due volumi da 900 pagine ciascuno e ho speso in tutto 8 €... e si tratta della Yourcenar, non di un'esordiente.
Altra cosa: biografia e resumen.
Partiamo da quest'ultimo: tre righe in croce (peraltro c'è un vistoso errore di sintassi) che danno un'idea della trama vaghissima, frammentaria, tanto che uno rimane a chiedersi se quanto ha letto possa essere avvincente o no. Provo a riscrivertela io:

Kaelynn Davidson, Ashelynn Johnson e Laura Miller sono in viaggio, ufficialmente verso la Sicilia. In realtà le tre ragazze si sono imbarcate inconsapevolmente in un oscuro percorso alla ricerca della verità sulle proprie origini, talmente pericoloso che non è scontato che ce la facciano a portarlo a termine. O almeno non tutte e tre...
Un romanzo che in realtà ne racchiude quattro, avvincente e spietato, che parla di mistero, amicizia e del rapporto col proprio io.


Ovviamente non pretendo di aver scritto il resumen del secolo (nè ovviamente so se quanto ho scritto trova corrispondenze nelle tua opera ;)), però credo che in questa forma il lettore si senta maggiormente invogliato a leggerlo.

Discorso simile per la tua biografia... scrivi due righe che sembrano più voler gettare ombra su di te... e il resto sono lunghissimi link dei tuoi siti. Anche in questo caso è quasi impossibile che un lettore, trovandoseli di fronte, vada a vedersi il sito: è più probabile che perda interesse e se ne vada a cercare altro da leggere.
Mi riesce difficile pensare che tu ti voglia tanto male da non avere altro da scrivere sul tuo conto, anche perché solo in questo topic hai scritto già diverse cose di te, che secondo me fanno più autore di quanto non hai messo in bio ;)

Insomma Zaffiro, non cadere nelle trappole dell'editoria moderna, che alle volte editoria nemmeno è. Coltiva i tuoi sogni e il tuo talento, ma non cedere alla facilità del mondo attuale, altrimenti le delusioni saranno sempre tante e cocenti. Studia, migliorati, non sentirti arrivata solo perché "cercando su google i risultati non sono pochi", possono anche essere due ma buoni piuttosto che duecento ma mediocri. E non dimenticare mai che esistono tanti modi "intermedi" di esprimerti, capaci di dare maggiori soddisfazioni senza necessariamente toglierti nulla ;)




Golden Reviewer (190 Golden Award)

Avatar utente
zaffiro
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 314
Iscritto il: 17 marzo 2012, 10:46

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da zaffiro » 21 marzo 2017, 00:24

Come direbbe il dottor Cox di "Scrubs": Sbagliaaaaato! :)
Kaelynn Davidson, Ashelynn Johnson e Laura Miller sono in viaggio, ufficialmente verso la Sicilia. In realtà le tre ragazze si sono imbarcate inconsapevolmente in un oscuro percorso alla ricerca della verità sulle proprie origini, talmente pericoloso che non è scontato che ce la facciano a portarlo a termine. O almeno non tutte e tre... Un romanzo che in realtà ne racchiude quattro, avvincente e spietato, che parla di mistero, amicizia e del rapporto col proprio io.
Loro tre vanno in Sicilia per uno scopo preciso, a cui però se ne aggiunge un altro, che non è uno scopo inconsapevole. Scopriranno delle cose su di loro, o quantomeno alcune. Ed è un percorso pericoloso, ma non solo per via di circostanze esterne. Il romanzo non racchiude quattro libri, ma è frutto di frammenti di quattro romanzi disposti insieme in un'insieme coerente e con parti mai viste da occhio umano (neanche dagli editori che o mi ignoravano o dicevano di no con scuse come "non è realistico". E' fantascienza/fantasy, che cosa pretendevate? Io mi ispiro a Ray Bradbury, ma solo nel senso che lui scriveva delle vicende reali (e che molto spesso aveva vissuto in prima persona, come l'"Estate incantata" dove però succedono delle cose fantastiche. E devo essere per forza vaga, perché, come ho già detto, ogni minima parola che dico porta a uno spoiler allucinante.
E per il resto credo che tu non abbia chissà quanti elementi per dire alcunché su quello che faccio, in questa come in altre occasioni (e talaltro si prendono più mosche col miele che con l'aceto, ed è per questo che non mi piace interagire con te). Non ho mai detto, da nessuna parte, di essere arrivata. Ho detto solo che non sono una sconosciuta in campo letterario, certo non al livello della McCullough (altra scrittrice a cui mi ispiro), ma neanche una che non ha mai impugnato la penna in vita sua. Io ho seguito diversi metodi, nel corso degli anni, sopratutto per quanto riguarda il marketing (che sto studiando tuttora), e ho imparato che, se non altro, ognuno è libero di scegliere il metodo di promozione che gli va più a genio, in base al pubblico che vuole raggiungere più che ai mezzi a sua disposizione. Adesso penso che quello che conta davvero è il passaparola, e stasera ho parlato di questo con due potenziali clienti. Di persona. Se gli piacerà, ne parleranno bene e alla fine sarà questo ciò che conta per me, più di qualsiasi altra cosa. Federico Moccia ha iniziato proprio col passaparola (infatti "3msc" se lo è autopubblicato da solo, poi c'è stato il passaparola e solo dopo se l'è preso la Feltrinelli, vedi la sua intervista con Mighty Pirate su You Tube), e guarda dov'è arrivato. Se poi sbaglierò anche questo metodo, mi rivolgerò io stessa a qualcuno che è stato esattamente nella mia situazione , ma che poi ce l'ha fatta, e a nessun altro. Possibilmente trovandoci delle persone che mi invogliano a comunicare senza cercare di farmi sentire a disagio, una nullità o quant'altro, come fai sempre tu con me. Io non sono la migliore di tutti, ma non sono neanche una nullità. Sono un cespuglio, e non riuscirò mai a essere un albero, vorrei almeno essere un cespuglio bello rigoglioso. E con questo voglio chiudere davvero questo discorso e, se ci riesco, ignorarti definitivamente.
Qui si dovrebbe parlare del mio romanzo.
Come lo promuovo è qualcosa che avrei trovato più decente che me lo si dicesse senza fare discorsi chilometrici.
Certo, io ne ho appena fatto uno, ma ho parlato sopratutto del mio libro e a chi mi ispiro.
Ed è questo quello che vorrei di cui si parlasse qui.
Pace e chiudo. :hello:




Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 24228
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30

  • E..state con ASP.com 17
    • Blu
      3
      154
      09 Jul 2017
      Predatore / Crew
      400 (10 RP Bonus)
      2/9
      3
      [20x20x20 Square Challenge 2011] Greece Artefact
      0/0
      190/260


Tomb Raider 3 Gold

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da Blu » 21 marzo 2017, 02:52

Perdonami, ma questa volta credo che a parlare sia più il tuo lato impulsivo e il tuo amor proprio che forse, in qualche parte ferito dalle parole, ti fa reagire chiudendoti a riccio e aggredendo piuttosto che riflettendo, si sta sempre parlando del tuo romanzo e di suggerimenti sulla promozione e altro, se così non fosse anche quando hai risposto a me potevi chiuderla in un "Comprendo il tuo ragionamento, ma la penso diversamente :) " , i post chilometrici non sono negativi ;)

Vorrei partire dal fatto che non credo affatto che Nillc intendesse "farti sentire a disagio, una nullità o quant'altro", anzi, ha trovato anche il tempo per prenderti più sul serio e a cuore di tanti altri da scriverti un lungo post in cui ha cercato di spiegare non solo il suo punto di vista, ma anche quello che obiettivamente c'è effettivamente fuori di qui nel mondo dell'editoria, riportando esperienze e dandoti anche diversi consigli che come tali puoi seguire o meno (in questo siamo tutti liberi), ma per lo meno potresti accettare di buon grado ringraziando, invece di aprire (e chiudere) un caso :)
E' proprio per il confronto che si aprono topic, 'ché si vuole condividere esperienze, notizie e quant'altro, se fosse solo un mezzo di "comunicazione news" allora non ci sarebbe mai confronto e di conseguenza crescita, non ci sarebbe ragione di postare su un forum se non si è disposti a leggere commenti e consigli, come non si pubblica un proprio lavoro se non si è abbastanza forti da saper reggere l'impatto del pubblico.

Probabilmente è proprio questo meccanismo che ti sfugge, nel senso proprio letterale della parola, nel senso che fugge da un tuo controllo o previsione e allora parti per la tangente; ti faccio un esempio pratico: molti di voi che si dilettano in scrittura postano qui le loro fatiche, ma lo fanno non solo per comunicazione o sfoggio, lo fanno proprio per scoprire le impressioni del lettore, e magari ricevere suggerimenti e consigli, per aver l'occasione di ampliare la propria visione perché restando troppo chiusi spesso si perde la possibilità di dare il meglio; faccio di più, un esempio pratico: over ha sempre cercato il confronto qui sul forum, anche durante il processo di scrittura di un romanzo, arrivando a mettersi spesso in discussione e a modificare intere parti di cose scritte perché la nostra reazione lo ha spiazzato, e questo in realtà lo fa ogni volta che pubblica un libro. Conoscendo il tuo timore riguardo il furto di opere creative immagino il dolore e la difficoltà di concepire una tale condivisione prima della pubblicazione, ma è il sistema che siamo abituati a seguire qui e su qualsiasi forum: se si posta qualcosa, lo si fa per condividerla con altri, è molto più produttivo e costruttivo, e in più consente alle persone di conoscerti e di conoscere il tuo stile, il tuo modo di scrivere, di crearti un primo "pubblico" insomma :)

Molto di quanto ha scritto Nillc, e mi limito solo al lato più tecnico della cosa, sono suggerimenti condivisibili, a partire dal come ti presenti come autore su Amazon (la bio serie di link) alla descrizione breve del romanzo che, anche se può aver preso un granchio non conoscendo la storia proponendo la sua versione, fa ben notare che quella pubblicata a un lettore casuale non dice abbastanza per indurlo ad acquistare il libro.

Di molte cose abbiamo già parlato io e te, e non insisto mai più di tanto perché hai un carattere splendidamente fragile e caparbio, cosa che fa di te una ragazza forte e sensibile :) , ma il tuo reagire senza contar fino a 10, o senza dar la possibilità alla tua mente di pensare che non sono sempre critiche o attacchi ai quali devi reagire, ti fa perdere di vista il fatto che ogni cosa può esser un'occasione da cogliere per metterti in discussione :) , e se anche dopo averlo fatto ti senti di voler proseguire per la tua strada bene così :) , ma reagendo in questo modo, mettendo paletti e alzando muri, rischi di non aver mai risposta ai tuoi post, e non credo sia questo quello che vuoi.

Poi naturalmente è comprensibile che ogni propria creazione è un pezzo 'e core, per cui brucia ogni qual volta qualcuno ne parla nei termini o nei modi che non ci aspettiamo, cosa che spesso genera flammate e travasi di bile non da poco [:^] , ma è parte del "gioco" dell'arte, se non fossimo disposti al rischio non pubblicheremmo mai nulla di nostro, e in fondo quel brivido è proprio quello che ci fa sentire splendidamente e artisticamente vivi :D ... per cui tornando sul pezzo, rileggi con serenità i commenti miei e di Nillc, potresti trovar spunti imprevisti e approfittare dell'esperienza anche di altri che vorranno postare :)




Golden Reviewer (154 Golden Award)
| Predatore

Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 7903
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da Nillc » 21 marzo 2017, 08:25

Penso che Blu abbia detto tutto :) mi spiace che tu ti sia sentita attaccata e ferita, se proprio vuoi ignorarmi definitivamente credi almeno che io non abbia voluto farlo consciamente. Mi spiace anche che non ti piaccia interagire con me, anche perché anni fa fosti tu stessa a cercarmi in privato perché "sapevo sempre cosa dire". Che poi lo dica in maniera fin troppo diretta, tanto da risultare crudo, è un mio lato caratteriale, sono così anche nella realtà.... Solo che fuori dal forum magari taccio un po'più a lungo, e magari faccio pure bene :D
Peraltro le "mosche prese col miele" muoiono, e a me non interessa nemmeno acchiaparle. Né mosche, né altro.

Aggiungo solo ( o meglio ribadisco, perché velatamente il succo del mio discorso di ieri era quello) di stare attenta a chi lucra sui tuoi sogni e a chi di cosa e come scrivi non frega un fico secco, fintanto che sganci fior di quattrini per la soddisfazione di vederti pubblicata.

Ti correggo su una cosa: nel 1992, ai tempi del primo libro, Federico Moccia non era proprio quello che si dice un esordiente, ma lavorava già da anni in Mediaset come regista e soprattutto come autore dei programmi di Maurizio Costanzo e Paolo Bonolis. Inoltre non si è autopubblicato, ma ha avuto regolare contratto con la Feltrinelli. Sul passaparola ho i miei dubbi, santi in paradiso ne aveva e comunque il più delle volte i "casi letterari" sono montati a tavolino.... Però non giudico, né ora nè in nessun'altra occasione ;)

Infine chiudo come avrei dovuto chiudere il post di ieri: ovviamente ti auguro che tutto il mio discorso sia completamente sbagliato, e che io abbia torto marcio ;)

E con questo, non preoccuparti di ignorarmi: sarò io a non scrivere più sotto i tuoi post [:^] ciao ciao!




Golden Reviewer (190 Golden Award)

Avatar utente
zaffiro
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 314
Iscritto il: 17 marzo 2012, 10:46

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da zaffiro » 21 marzo 2017, 10:45

Oggi vedrò di rispondere a un tipo di domande che ritengo più adatto all'oggetto di questo topic e che nessuno mi ha ancora posto (come direbbe un personaggio femminile della serie "Game of Thrones"... "Vergogna!" :P ), e dire, per esempio, quali sono gli elementi non spoilerosi di questo romanzo, cioè... il dove e il quando. :shock:
Il chi lo sapete già, ma non è limitato solo a questi nominativi... e quanto al cosa e al perché, siamo alla parte proprio spoiler. :o
Dunque, in quali luoghi si svolge il romanzo? :D
In questa serie di posti: un pianeta lontano, il Nepal, gli Stati Uniti, la Corea del Sud, l'Italia, il Regno Unito, gli Stati Uniti, lo stretto di Gibilterra, la Francia, l'Italia e, alla fine, il Regno Unito.
E in quale epoca ci troviamo? Beh, la trama si svolge nel corso di parecchi anni, ma la parte principale si colloca tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017.
E così ho risposto a due domande abbastanza fondamentali. :D
E' tutto, gente. :hello:




Avatar utente
zaffiro
Average TR Player
Average TR Player
Messaggi: 314
Iscritto il: 17 marzo 2012, 10:46

"Stelle in Alta Definizione" [Romanzo]

Messaggio da zaffiro » 21 marzo 2017, 13:48

In questo post risponderò a delle domande tecniche (che nessuno si è mai sognato di farmi :P ), che riguardano come opero di solito per qualsiasi cosa do alle stampe:
- "sei tu a editare i testi?" Sì. E' una delle prime cose che ho imparato lavorando in libreria. Ma non ho mai smesso di imparare da allora. :)
- "qual'è il tuo carattere"? Palatino Lynotipe, lo stesso dei testi di Sophie Kinsella (mi piace la sua saga "I Love shopping", a parte il sesto libro, e ancora non ho letto il settimo). Lo userei anche per il mio sito, solo che al momento Altervista non lo prevede tra le sue scelte, ed ecco perché invece uso il Georgia (che però mi piace pure).
- "perché scegli i caratteri grandi"? Scelgo il 16 perché sono stata per molti anni una miope grave, e anche ora che ho una vista migliore mi dà veramente fastidio leggere i caratteri in piccolo, per cui "soffrite" insieme a me. :)
- "perché il formato 7x10"? Perché ho avuto dei problemi tecnici con il formato tradizionale che non sono riuscita a risolvere, per cui ho deciso che mi sarei distinta tra gli altri anche così, per un formato medio-grande.
- "quante volte rileggi i testi per vedere se ci sono dei refusi"? Quattro bilioni di volte. Poi un'altra persona lo rilegge una volta sola. E alla fine rileggo tutto io, giusto per stare sul sicuro. :) CreateSpace offre dei servizi che arrivano quasi a 200 dollari, ma se posso farne a meno e arrangiarmi da sola, perché no?
- "chi sceglie le copertine"? Io. Per "I Mal Benedetti" e "(Non) per tutti i giorni" ho usato delle fotografie farina del mio sacco, mentre per "Stelle in Alta Definizione" ho usato un'illustrazione di Victorian Lady di DeviantArt. Le ho chiesto esplicitamente il permesso e l'ho ottenuto. Quanto alla grafica delle copertine... è sempre stato CreateSpace a fornire i template, che per il resto compilo e riempo tutto da sola.
- "scrivi anche la biografia"? Sì. Di solito si scrivono cose come "Vive a New York con quattro cani e lavora presso il NY Times", ma io che cosa posso vantare, a parte il fatto che esisto? :D A meno che non sia da qualche altra parte, non abbia un lavoro e magari qualcuno da amare e da cui essere amata, conto di attenermi sempre a questa formula che è anche un filino ironica.
- "chi stabilisce i prezzi"? CreateSpace e Kindle, al momento in cui mando in stampa qualsiasi cosa, stabiliscono in automatico delle soglie minime sotto le quali non posso andare, altrimenti niente pubblicazione, e queste soglie comprendono anche la comparsa su altri canali oltre CreateSpace e Amazon, come Mondadori Store e le librerie italiane e straniere che vendono tramite Ebay. D'altronde, devono guadagnarci pure loro da qualche parte, visto che fanno pubblicare a titolo gratuito (e anzi sono loro ad assegnare il codice ISBN!). E poi da qui posso aumentare di due o tre dollari. Potrei limitarmi ai soli CreateSpace e Amazon, e quindi mi comparirebbe un prezzo di soglia più basso, ma scelgo di essere il più possibile dappertutto. Dopotutto, ho sempre puntato alla conquista del mondo :D, tanto è vero che per i miei lavori extraletterari uso delle piattaforme internazionali dove l'inglese va per la maggiore.
- "come ti pubblicizzi"? Al momento uso l'e-mail marketing, ma strettamente mirato a persone, magazine e librerie che possono essere seriamente interessate ai miei lavori. Niente spam! E ho scoperto che anche la firma alla fine delle mie e-mail mi torna utile in tal senso. Non ho grandi mezzi a mia disposizione, ma quelli che ho cerco di usarli bene. Sopratutto parlarne faccia a faccia col potenziale cliente. E presto seguirò un corso online in inglese di digital marketing, giusto per vedere se ci sono altri metodi che possono aiutarmi.
- "non pensi che ti danneggi usare la dicitura vietato ai minori di 18"? Oggigiorno chiunque può andare su Internet, anche persone che faticano a distinguere tra realtà e fantasia, pur non essendo più dei bambini, e qualsiasi frase può essere interpretata in modo sbagliato, se non si è sufficientemente maturi. Non a caso MTV, prima di trasmettere qualsiasi episodio dell'anime "Death Note", metteva sempre il disclaimer che lo sconsigliava alle persone facilmente impressionabili. Certo, poi ci sono delle persone che pensano che "vietato ai minori di 18" significa automaticamente che ci saranno delle parti scabrose, ignorando che esistono anche altre ragioni per cui è possibile mettere questa dicitura! Il mio racconto su Summer Winter ne "I Mal Benedetti" non ha nulla di scabroso o volgare o violento, ma è abbastanza disturbante per via dell'immoralità di fondo che lo permea.
- "ti piace scrivere più in italiano o in inglese"? Non lo so. Penso e scrivo in entrambe le lingue, ma ultimamente sto avendo più difficoltà a parlare in italiano che in inglese!
:huahua:
Arrivederciiiiii! :D




Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite