Lara Croft Tomb Raider: the Golden Legacy

La seconda avventura di Lara Croft

Condividete le vostre creazioni: disegni, fumetti, racconti, 3D, foto, musica o altro ispirati a TR e non / Show here your creations: art, paintings, comics, literature, 3D, photo, music or other inspired or not to TR
Rispondi
Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Lara Croft Tomb Raider: the Golden Legacy

Messaggio da overhill » 18 luglio 2007, 19:34

Ora che Max ha terminato di postare la sua splendida COTIM, posso finalmente rivelare il seguito dell'avventura.
In realtà questa avventura è separata da quella precedente, tranne per il riferimento all'Occhio di Zarus, che in Cotim termina la storia mentre qui la inizia :)

Prima di cominciare, però, una brevissima storia della genesi di questa opera.
Il tutto nasce da una sceneggiatura di Max che si chiamava proprio "the Golden Legacy", l'eredità dorata.
Ho letto quel lavoro, e mi è molto piaciuto, nonostante a me non piaccia leggere le sceneggiature.
Allora ho chiesto a Max il permesso di trasformare la sua opera in un romanzo. "Ci provo, poi vediamo cosa salta fuori".
Lui si è mostrato subito entusiasta e questo mi ha "dato la carica" :)
Alla fine il mio romanzo è venuto leggermente diverso dalla sua sceneggiatura, pur mantenendo la stessa trama. Alcuni personaggi interagiscono tra loro in modo diverso e capitano cose che da lui non capitano.
Insomma, si dovrebbero leggere entrambi i lavori.

Adesso vi lascio qualche minuto di pausa, mi faccio una doccia e poi vengo a pubblicare il prologo :)

(Ah, Max ovviamente è Nillc ;) )


INDICE




Ultima modifica di overhill il 22 ottobre 2007, 14:06, modificato 1 volta in totale.


Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 18 luglio 2007, 19:51

Madrid
L’uomo chino sul Libro aveva un’espressione così preoccupata da sembrare più vecchio che anziano: profonde rughe, frutto delle numerose ore passate nello studio e in grande concentrazione, solcavano il suo viso. La fronte aggrottata sulle folte sopracciglia rendeva la sua espressione estremamente grave.
La sua attenzione era completamente dedicata alla lettura di un tomo dal colore stranamente dorato, posto su un grande tavolo, al centro di una stanza piuttosto spoglia, eccezion fatta per il tavolo stesso, una semplice sedia, un piccolo pilastro di colore scuro e per una pesante porta metallica, chiusa, che la metteva in comunicazione con il mondo esterno.
Lontano, in qualche stanza remota, il climatizzatore che garantiva alla stanza un ambiente assolutamente controllato, faceva sentire i suoi ritmici battiti.
Nulla doveva turbare l’esistenza del Libro.
“Mio Dio” disse l’uomo ad alta voce, senza pensare minimamente a quante volte aveva pronunciato questa frase nell’ultima ora. Mio Dio pensò Devo assolutamente decidermi, non manca più molto tempo…
Con la mano isolata dal Libro grazie ad un candido guanto in materiale speciale, fece scorrere il dito sulle parole scritte, anch’esse dello stesso colore dorato.
El Cuarto Escondido. Non può essere altrimenti
L’uomo si alzo dalla sedia; un acuto dolore alla schiena gli ricordò contemporaneamente quanto gli anni avessero infierito su di lui, e quanto tempo fosse stato fermo a consultare il Libro. Si allontanò leggermente, torcendosi le mani. Con delicatezza prese il Libro e lo pose sopra il pilastro scuro. Si avvicinò ad una piccola tastiera sulla parete, fece passare una tessera in un lettore e premette distrattamente alcuni tasti; una barriera in vetro scese a proteggere il libro. Alcuni raggi rossi ingabbiarono la teca, producendo uno spiacevole rumore elettrico.
Altra digitazione e la porta si aprì senza il minimo cigolio, dando accesso ad una piccola stanza nella quale l’uomo si infilò. La porta si chiuse alle sue spalle, si udì un rumore simile ad un soffio e la porta che conduceva sull’esterno si aprì.
L’uomo uscì e chiuse accuratamente la porta, poi si recò nel proprio ufficio. Si sedette alla grande scrivania, accese la luce da tavolo, e incrociò le dita, assorto. Dopo alcuni minuti di riflessione, finalmente l’uomo si scosse, come se avesse preso una decisione.
“Si. Non c’è altra scelta. Solo lei può riuscirci.” disse ad alta voce. Prese un foglio di carta pregiata, sulla testa del quale spiccava la scritta “San Lorencio de el Escorial” e iniziò a scrivere: Gentilissima Lady Croft…





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8552
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 18 luglio 2007, 20:24

Over, Over, Over...

Innanzitutto è l'occhio di ZARU e non di ZARUS, poi Legacy significa EREDITA' e non COMPAGNIA!!! Insomma, il romanzo l'hai scritto tu e devo dirti ste cose?




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 18 luglio 2007, 20:50

Be' tu non metti i filtri e io non so le lingue... [:^]

Cmq non ho tradotto il titolo letteralmente: durante il racconto, come sai, si parla spesso di questa eredità... ma a me è sempre piaciuta la versione "compagnia", visto l'eterogeneo gruppo di amici che si formerà tra qualche giorno ;)

Per quella S di troppo, be', lì ho proprio cannato :D





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 19 luglio 2007, 08:32

Tanzania
L’alba sorprese alcuni leoni mentre terminavano il loro pasto. Sebbene il lavoro grosso l’avessero fatto le femmine del branco, era il grande maschio a godersi i pezzi più succulenti dell’animale ucciso, probabilmente una zebra, ora irriconoscibile; finalmente sazio aveva concesso anche agli altri membri del branco l’accesso al cibo e ora tutti stavano giocherellando con gli ultimi resti presenti sulla carcassa.
Sarebbe stato un problema per le iene che poco lontano stavano aspettando il loro turno. e ancor peggio sarebbe andato a tutti gli altri presenti che aspettavano impazienti il loro turno: avvoltoi, sciacalli, licaoni erano tutti in attesa nella vasta pianura, macchiata da una discreta foresta che confinava con un profondo burrone che delimitava la zona di caccia.
I più fortunati erano i vari insetti carnivori e necrofagi, che potevano avvicinarsi senza problema: le dimensioni contano sempre, anche per passare inosservati.

La sanguinosa quiete venne improvvisamente spezzata da un urlo selvaggio. Tutti gli animali scattarono in posizione di fuga, anche il poderoso maschio: meglio non farsi trovare impreparati in caso di attacco del più feroce predatore del pianeta.
Rumore di passi veloci, diverse persone che corrono.
Improvvisamente dalla foresta sbucò una donna che correva a grandi falcate. Indossava una maglia nera attillata e pantaloncini corti, robusti anfibi dai quali facevano capolino calzettoni grigi, uno zainetto sulle spalle con alcuni oggetti appesi e su entrambi i fianchi due fondine nelle quali erano assicurate le pistole. All’orecchio destro portava un auricolare senza fili. In braccio portava un involto, quasi cullandolo come se fosse un bambino.
Si fermò per un istante, guardandosi intorno, poi riprese a correre parallelamente al limitare della foresta. A qualche decina di metri di fronte a lei fecero la loro apparizione due indigeni, armati di lance. La donna si fermò di colpo.
I due guerrieri, palesemente agitati, indicavano il pacchetto che la donna portava in braccio, accompagnando i gesti con urla, parole nella loro lingua, ma dal significato chiarissimo, e da altrettanto evidenti movimenti delle lance.
“Ma voi Bantu non vi arrendete mai?” disse la donna, sbuffando e squadrando i due con la testa inclinata da un lato e un leggero sorriso.
I due guerrieri non credevano ai loro occhi: una donna che li sfidava! Inconcepibile! Quello che pareva essere il più vecchio e risoluto dei due, si gettò con un urlo verso la donna brandendo la lancia, ma lei fu più veloce: con una rapida rotazione del corpo, mandò la punta dell’arma a conficcarsi nel terreno, e il suo proprietario, lanciato senza controllo, fu mandato a gambe all’aria dalla sua stessa foga, e colpì violentemente il terreno con la testa, restando tramortito.
E uno pensò la donna.
Senza lasciare tempo al secondo guerriero di riprendersi dalla sorpresa di vedere il suo compagno nel fango, per di più per colpa di una femmina, la donna posò delicatamente il fagotto a terra, prese la lancia ancora infissa nel terreno, e iniziò a correre verso il Bantu in evidente confusione. Arrivata a circa due metri dall’avversario, la donna conficcò profondamente la lancia nel terreno, e sfruttando lo slancio elargì un violento calcio al volo; e anche il secondo guerriero si ritrovò nelle stesse condizioni del suo compagno, che giaceva ancora svenuto a pochi metri.
“Beh, l'occhio di Zaru si meritava un po' più di protezione, cari i miei indigeni” disse la donna recuperando l’involto.
In quella una freccia sibilò a pochi centimetri dal suo orecchio. Oh merda!
Dalla foresta uscirono decine di indigeni, tutti armati di lance e frecce. Il capo era particolarmente robusto, come si conviene ad un leader, addobbato da decine di collane, piume, penne, monili, e abbondantemente infuriato.
La donna con delicatezza toccò un tasto sull’auricolare. “Dove accidenti sei?” sibilò nel microfono. In mezzo a ronzii e rumori di sottofondo, una voce scaturì dal piccolo oggetto “Eccomi, ti vedo sul localizzatore satellitare, sono di fronte a te, pronto ad accoglierti!”.
“Bravo, non ti far vedere e aspettami col motore acceso! Quando te lo dico, sali”.
“Non è che abbia molta scelta, se spengo…”.
“Era una battuta, stupido!” disse la donna chiudendo la comunicazione.
Il capo nel frattempo si era convinto che la donna probabilmente aveva avuto fortuna contro i suoi guerrieri, e che la superiorità numerica avrebbe sicuramente giocato a suo favore.
Si avvicinò a distanza di sicurezza dalla donna, guardò un po’ preoccupato le condizioni dei suoi due guerrieri, poi disse con voce coraggiosa in un inglese stentato ma sufficientemente chiaro “Restituisci nostro idolo…femmina... o ti uccideremo!” La parola “femmina” venne pronunciata con disgusto, come fosse una bestemmia.
La donna, squadrò il capo, fece una smorfia e disse “Mmmh, mi sa che mi uccidereste anche se lo restituissi...”. Il capo si girò verso i suoi uomini e disse qualche parola in lingua Bantu, sorridendo, poi scoppiò a ridere, imitato da tutti i guerrieri. Non vista la donna piegò il braccio dietro la schiena e prese un oggetto che teneva appeso allo zaino.
I migliori amici di una donna sono i diamanti, ma anche questo può tornare utile pensò.
Il capo decise che era ora di smettere di ridere e di farla vedere a questa femmina che osava rubare il loro idolo: “Addosso!” gridò ai suoi uomini in lingua Bantu. Contemporaneamente la donna srotolò la frusta e colpì in faccia il capo; il grosso indigeno si chinò dolorante e i suoi uomini si fermarono interdetti; la frusta colpì la maggior parte di quelli della prima fila, poi si riavvolse, si srotolò e andò a bloccarsi al collo del capo, la cui faccia riportava una vistosa ferita sanguinante, della quale avrebbe potuto vantarsi per anni.
Usando il grosso Bantu come una frombola, nella quale lei era il sasso, la donna scavalcò con un balzo il gruppo di guerrieri, troppo attoniti per reagire e iniziò a correre verso un burrone. Il capo, divincolatosi dalla frusta e ripresosi, iniziò ad urlare concitatamente ai suoi uomini, i quali iniziarono a rincorrere la donna. Convinti che si sarebbe fermata prima del precipizio, rimasero sbalorditi quando la videro fare un perfetto tuffo verso il baratro.
“ORA!” Urlò la donna nell’auricolare.
Il grosso elicottero salì dal burrone e si posizionò proprio in corrispondenza della traiettoria del tuffo. Al di sotto della macchina pendeva una scaletta di corda.
Gli indigeni si fermarono attoniti, giusto in tempo per evitare lo spostamento d’aria che le veloci pale provocavano.
Appesa alla scaletta, la donna sorridendo guardò il capo, fece un cenno di saluto e gridò “Un’ultima cosa: prima di mettervi contro una femmina, controllate che non sia Lara Croft!”





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 25253
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30




Tomb Raider 3 Gold

Messaggio da Blu » 19 luglio 2007, 11:42

overhill ha scritto:Appesa alla scaletta, la donna sorridendo guardò il capo, fece un cenno di saluto e gridò “Un’ultima cosa: prima di mettervi contro una femmina, controllate che non sia Lara Croft!”
Strepitosa :D .. è proprio la nostra Lara Croft, ironica, un po' sbruffona e sempre sicura di sè :) , come potrebbe non piacerci :D

Bellissimo inizio anche per questa nuova avventura di Lara :D , inquietante nel primo approccio al "Libro" che desta non poche domande e curiosità a suo riguardo, sia per come è custodito (una camera asettica e spoglia, un mini santuario tecnologico ad atmosfera controllata per un manufatto che sicuramente è investito di un'importanza notevole, se non come oggetto in sè sicuramente per il suo contenuto) sia per l'attenzione e per l'angoscia con cui lo osserva e maneggia l'uomo (da qui l'impressione che vi sia contenuto un qualcosa, una profezia o altro - di cui presto sapremo di più nel momento in cui Lara riceverà la lettera :D - i cui tempi sono oramai maturi, anzi, l'impressione che si ha è si sia già in ritardo [:^] )


Fortissimo anche il collegamento col precedente episodio / entrata in scena di Lara :D : una sequenza degna del miglior film d'azione descritta in modo fantastico :D , a metà fra scene di film come Indiana Jones, Mission Impossible e Tomb Raider stesso :) .. non vedo l'ora che sia domani per saperne di più :D :approved:


PS: al solito, ho inserito l'indice nel primo post, in modo che chi lo leggerà in seguito recuperi più agevolmente i capitoli senza perdersi alla loro ricerca fra le pagine di commenti (che fossi in loro leggerei lo stesso ;) )




Golden Reviewer (157 Golden Award)
| Predatore



Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 19 luglio 2007, 11:45

Il prologo non c'è nella versione di Max, l'ho inserito per aggiungere un poco di mistero. E l'ho fatto nel 2004, se non ricordo male, per cui ogni riferimento a "Il Codice da Vinci" è assolutamente impossibile :)

A questo punto andiamo avanti e mettiamo un altro po di carne al fuoco ;)

(ehm, Blu, sinceramente ho provato a guardare come mettere gli indici e darti una mano ma non ci ho capito tantissimo... :) )





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 19 luglio 2007, 11:48

Oceano Indiano, al largo di Pangani

Il grande yacht ondeggiava delicatamente cullato dalle onde. Sul piccolo eliporto rifulgeva al sole l’elicottero che aveva salvato poche ore prima la vita di Lara.
Lei, stesa su una chaise longue in vimini e coperta da un accappatoio, si riposava dalle fatiche della nottata. Un uomo alto, brizzolato, perfettamente vestito in giacca e cravatta si avvicinò portando una bottiglia di acqua e un bicchiere su un vassoio, e con un misto di riverenza e affetto chiese “Allora, Lady Croft, com’è andata questa volta?”
“Oh, Hillary” disse Lara socchiudendo gli occhi protetti da un paio di occhiali da sole “grazie! Se non ci fossi tu…!” Prese la bottiglia e iniziò a bere avidamente, ignorando del tutto il bicchiere, sotto lo sguardo rassegnato dell’uomo.
”Non ne potevo più! Ero completamente riarsa! E comunque questa è la cosa più emozionante: la sete”. Una voce alle spalle di Lara disse “Mi piacerebbe sapere se al mondo esiste ancora qualcosa di eccitante per te!”
L’uomo che aveva parlato aveva circa trent’anni ed era decisamente all’opposto, almeno per quanto riguardava l’abbigliamento, rispetto al compunto Hillary. La camicia hawaiana dai colori sgargianti faceva a pugni con i pantaloni alla pescatora viola e alle ciabatte in tela. Un cappellino con visiera portato un po’ di traverso proteggeva due occhi piccoli, ma decisamente intelligenti, incastonati in un viso pallido e simpatico.
“Ne hai ucciso qualcuno?” chiese Hillary.
“No, ma credo di aver fatto seriamente male ad un paio di loro” rispose Lara.
“Come sempre” sospirò l’uomo. Si spostò verso un piccolo tavolino e ne prese l’involto che Lara aveva sottratto agli indigeni. Svolse il fagotto e ne uscì un oggetto, che esposto alla luce iniziò a brillare come se contenesse un piccolo sole al suo interno.
“Fai attenzione: è l'occhio di Zaru. Il più grande diamante del mondo”. All’uomo tremarono le mani.
“Finora era sconosciuto. Pensa un po', loro lo usano come idolo” esclamò Lara.
“Sono indigeni, Lara. E’ quello il loro modo di vedere le cose” sentenziò Hillary.
“Beh io sono più d’accordo con Lara che con gli indigeni, Hilly” lo informò l’altro uomo.
“Ti pregherei di non chiamarmi Hilly, Bryce: lo sai che lo detesto!”. Sorridendo Lara cercò di sedare una probabile, ennesima rissa tra i due diversissimi amici. “Comunque meglio da me che da loro. Ci sono state novità mentre mi divertivo?”
“Uh vediamo, ci sono alcuni messaggi: una minaccia di morte…” iniziò Hillary.
“Un’altra?! E da parte di chi questa volta?”.
“Dal fratello di Marco Bartoli” disse Hillary consultando una serie di fogli tenuti insieme in un angolo. Lara scrollò le spalle “Fa niente, non è lui l'eletto, quindi non ha poteri soprannaturali. Altro?” Si girò a guardare verso l’orizzonte. Altri fruscii di fogli.
“Saluti da Thom Harlington e Kathe Baohfen…”
Silenzio. Lara, un po’ spazientita, si girò per guardare il suo maggiordomo e amico “Basta?”. Imbarazzato, Hillary girò l’ultimo foglio e disse “No, c’è anche un invito”. “Uh, qualcosa di nuovo…L’importante che non sia qualche vecchia compagna di Wimbledon…”
“No Lara, è di un certo Amenobàr”.
“Accidenti! Ma allora è proprio vero che chi non muore si rivede! A dire la verità a volte capita anche per chi muore…” Lara sorrise, come dietro ad un pensiero divertente e nascosto.
“Ecco, ci risiamo” sbotto Hillary “Sarà un altro bellissimo e muscolosissimo archeologo con il quale avrete passato una notte di furore. Un’unica notte, aggiungerei”. Lara lo squadrò divertita.
”Hillary, non essere protettivo. Diventi irriverente!” L’uomo raccolse la bottiglietta, ignorando signorilmente la battuta.
”Non te la prendere, Hilly. Solo che mi fa ridere pensare al professor Amenobàr come bellissimo e muscolosissimo. E’ una delle persone alle quali sono più affezionata al mondo, ed è un anziano professore del Collegio di san Lorenzo de el Escorial di Madrid. Sempre che tu sappia cos’è”
Hillary, si drizzò impettito, ancora offeso dal richiamo di Lara. “Certo che so cos'è! Era la residenza di Filippo II di Spagna, a pochi chilometri da Madrid. Una costruzione imponente, che ospita un monastero, un college e un'enorme biblioteca.”
“Bravo, vedo che hai studiato. Cos’ha organizzato il vecchio Jorge?”
Hillary consultò il foglio che aveva lasciato sul tavolino.
“Qui parla di un’asta organizzata dal Regno di Spagna, nella quale verranno venduti, cito testualmente, ‘alcuni dei più grandi tesori dell’Escorial’. Fine citazione. Comunque non credo ti interessi: tu i tesori li rubi…” terminò Hillary con aria di sufficienza.
“Mi interessa eccome, invece! Non ho mai visitato l’Escorial e sinceramente ho voglia di rifarmi gli occhi con i tesori di Filippo II”
Hillary accolse la notizia con finta indifferenza
“Benissimo, La signorina Croft partecipa ad un’asta. Faccio preparare le valigie?”.
“Con calma, Hilly. Prima voglio chiederti scusa. Lo so che ti preoccupi per me come avrebbe fatto mio padre e ti ringrazio per questo. Ma non ti pare che sia un po’ cresciuta per avere bisogno di una balia?”
“Alle volte mi pare proprio di sì.” Replicò l’uomo, con tono ancora freddo.
“Non preoccuparti. Questa volta andiamo davvero a fare una gita senza pericoli, Hilly”.
“Per cortesia, Lara non chiamarmi anche tu…come sarebbe a dire ‘andiamo’?”
Lara guardò con affetto il vecchio amico e rispose “Bryce mi ha accompagnato nell’ultima avventura, quindi questa volta tocca a te. Non hai voglia di lasciare per un po’ Croft’s Manor?”
“Oh mio Dio, Lara!” replicò eccitato Hillary “torniamo subito in Inghilterra: devo preparare i bagagli!”
“Calma, calma. Hai già pulito i miei abiti ‘da lavoro’?”.
“Come fatto!” rispose Hillary.
Agitatissimo recuperò la bottiglietta e i fogli sparsi sul tavolo, prese il panno con il suo contenuto preziosissimo e corse verso la cabina.
Improvvisamente una macchia di umidità sul ponte lo fece scivolare.
Tutti gli oggetti che teneva precariamente tra le braccia furono scagliati in ogni direzione. Lara, che non perdeva d’occhio i movimenti dell’uomo, scattò in avanti in tempo per prendere al volo il panno con il diamante più grande del mondo, un istante prima che finisse oltre coperta e si perdesse nelle profondità dell’Oceano.
Si rialzarono entrambi e Lara, piegando la testa di lato disse “Hilly, te l’ho mai detto che bevi troppi caffé?”





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8552
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 19 luglio 2007, 12:17

Over, va bene che è lunga, ma non ti sembra il caso di dilazionarla un po' la storia? Anche perchè in questo periodo sono tutti in vacanza e sarebbe un peccato che se la perdessero ;)

Comunque vorrei spendere anch'io qualche parola su questa nuova avventura di Lara, visto che ne sono il co-creatore (e ad onor di cronaca l'idea di base è mia :D)
Basilarmente, come già detto per COTIM, segue lo schema dei film, e cioè varie sequenze in diverse parti del mondo... però, a differenza del primo romanzo che avete appena letto, che risentiva un po' dell'essere stato una sceneggiatura altresì che un racconto, trovo che Over sia stato molto molto abile a personalizzarlo e a renderlo una storia perfetta, anche dal punto retrospettivo di Lara. Così come io ho voluto dare una visione di Lara diversa dalla canonica, presentando anche lati ancora non rivelati del suo passato, in questa storia vedrete una Lara indagatrice di se stessa, ne carpirete nuovi aspetti che magari sono propri del personaggio sin dalle sue origini, ma che vengono alla luce grazie alla peculiare abilità editoriale di Over, che potete vedere anche ne Il Fiore di Pietra.
Altro? Beh sì: aspettatevi sparatorie, porte a tempo, enigmi secolari e quant'altro... del resto stiamo sempre parlando di un TR ;)




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 19 luglio 2007, 13:08

Hai ragione, ma se fosse per me la metterei subito tutta! :D

Va be' che me ne vado il 5/8, quindi abbiamo tutto il tempo di finire entrambe le storie (Lara e Polloni)...

Sai cos'è? E' che ogni volta non vedo l'ora di leggere quello che scrive Blu: ha un modo di essere coinvolta e di fare le domande giuste, che mi fa scoprire ogni volta qualche particolare che io stesso non avevo notato :)

Dovete sapere che fino a qualche mese fa io e Max passavamo molto tempo in chat, ridendo scherzando e inventando storie. Anche questa di GL è nata da una sua idea che ha poi sviluppato, con qualche piccolo aiuto da parte mia. Ultimamente lo facciamo meno perché siamo pieni di impegni (università lui e lavoro io), e a volte devo ammettere che mi mancano...
Comunque, alcune di queste discussioni sono, secondo me, quasi degne di una pubblicazione a parte, per la quantità di idee che saltavano fuori. Un po' come quando un grande musicista sta provando e registra quello che fa per poter riascoltare quello che ha fatto, e a volte scopre cose che non aveva neanche notato... a me è successo :)





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8552
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 19 luglio 2007, 13:43

Senza contare il fatto che ogni volta che chattiamo ridiamo come maiali tutti e due :D

Comunque è vero: i commenti e le teorie di Blu fanno bene al cuore... del resto il nostro ultimo scopo è quello di raccontare una bella storia ai fan di Lara... come scrivo nel Making Of di COTIM TR è come una droga, e ogni volta che finisce un'avventura se ne vuole subito un'altra. Però non è facile scrivere di Lara, che è vero, offre molti spunti, ma il rischio di cadere nel baratro del banale è molto molto alto. Non esagero se ci dico che durante la pubblicazione di COTIM qualche settimana fa mi svegliavo nel cuore della notte e pensavo "oddio, e se questa parte non piacerà?"
I commenti di Blu (dico i suoi, ma comprendono anche tutti quelli che hanno avuto la pazienza e spero il piacere di leggere la storia) sono serviti sicuramente a darmi una botta di autostima, non lo nego [:^] ma anche ad apportare delle modifiche, peraltro sensibili, alla storia, in modo da renderla più vicina sia a quello che volevo io sia a quello che volete voi ;)

(Ovviamente il nostro penultimo scopo è quello di conquistare il mondo :D)




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
[Reinvent Yourself]
Moderator
Moderator
Messaggi: 9328
Iscritto il: 12 maggio 2007, 18:37



Tomb Raider 4

Messaggio da [Reinvent Yourself] » 19 luglio 2007, 13:57

Tipo Mignolo e Prof :asd:




Bronze Reviewer (21 Bronze Award)



Avatar utente
Nillc
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 8552
Iscritto il: 10 ottobre 2006, 17:31


Messaggio da Nillc » 19 luglio 2007, 14:13

Esatto... IO SONO IL PROF!!!




Golden Reviewer (208 Golden Award)



Avatar utente
overhill
Master TR Player
Master TR Player
Messaggi: 6097
Iscritto il: 29 giugno 2007, 20:56

Messaggio da overhill » 19 luglio 2007, 14:16

Allora io sono minchiolo... :o





Ciao a tutti

Mario Overhill

Da soli si va più veloce. Insieme si va più lontano.
[Proverbio Africano]

Avatar utente
Blu
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 25253
Iscritto il: 10 gennaio 2003, 17:30




Tomb Raider 3 Gold

Messaggio da Blu » 19 luglio 2007, 17:54

Che coppia fantastica :D .. e dico sul serio :) , il vostro rapporto di amicizia e la vostra intesa è quasi tangibile :) : noi sicuramente ne beneficiamo per la parte "produttiva", i racconti a due/quattro mani scaturiti dalle vostre conversazioni, e voi sembrate divertirvi ogni secondo di più, piani di conquista del mondo o meno :D (che se è il penultimo scopo, non posso che morir di curiosità all'idea di quale potrebbe essere "l'ultimo" :asd: )

overhill ha scritto:Comunque, alcune di queste discussioni sono, secondo me, quasi degne di una pubblicazione a parte, per la quantità di idee che saltavano fuori. Un po' come quando un grande musicista sta provando e registra quello che fa per poter riascoltare quello che ha fatto, e a volte scopre cose che non aveva neanche notato... a me è successo :)
Potrebbe essere molto carino e divertente :D (anche se poi sarebbe come vivere tutti nello stesso appartamento con voi due :D )

overhill ha scritto:(ehm, Blu, sinceramente ho provato a guardare come mettere gli indici e darti una mano ma non ci ho capito tantissimo... :) )
Tranqui, se vuoi ci penso (volentieri :) ) io ;) (anche se ho visto che da Polloni ci sei riuscito :approved: )

Nillc ha scritto:Comunque vorrei spendere anch'io qualche parola su questa nuova avventura di Lara..
Grazie per le precisazioni :) .. in effetti si respira già (specie dall'ultima puntata postata) una Lara leggermente diversa, vista un po' più in prima persona, vuoi perché leggiamo/vediamo i suoi pensieri (potremmo aprire una partentesi e dividerci nelle due fazioni, quella che ama Blade Runner prima versione, con la voce fuori campo del protagonista a commentare/esprimere ogni pensiero, e quelli che amano la versione più film-classico, con solo i dialoghi effettivi [:^] ), tornando a Lara, oltre che per la possibilità di leggerne i pensieri anche per quei suoi piccoli momenti di rilassamento, che la rendono così "umana" anche se solo su carta/videogioco, il suo sorriso che ogni tanto fa capolino "dietro ad un pensiero divertente e nascosto" o guardando i due nemiciamici nei loro divertenti battibecchi :) (Hillary e Bryce sono un po' Red e Toby a volte :asd: ), e per molto altro :)

Sono contenta (e curiosa) per la scelta di portare con sè Hillary questa volta :) : a giudicare dalla premessa (il micro incidente in cui stava per cadere in acqua il diamante più grande del mondo appena recuperato :asd: ) ne vedremo delle belle all’Escorial :) .. Hillary sa essere così a modo, dopo anni di impeccabile servizio a Croft Manor, ma è anche così emozionabile ed umano.. non può che rendere l'avventura ancora più "particolare" :D



PS/OT: sempre che non stiate sfottendo :P , non sapete che piacere leggere i vostri commenti ai miei commenti :D .. giro/gioco di parole per dire che mi fa un enorme piacere che vi facciano piacere :) (altro giro/gioco :asd: )

Quando ho visto che c'era già la nuova puntata di GL, prima ancora di leggere:
overhill ha scritto:Sai cos'è? E' che ogni volta non vedo l'ora di leggere quello che scrive Blu: ha un modo di essere coinvolta e di fare le domande giuste, che mi fa scoprire ogni volta qualche particolare che io stesso non avevo notato :)
e
Nillc ha scritto:Comunque è vero: i commenti e le teorie di Blu fanno bene al cuore...
.. mi era uscito un ".. sta a vedere che è colpa mia :asd: " ; scherzi a parte leggervi è veramente un piacere, lo definirei un "piccolo momento felice quotidiano" che da quando avete iniziato a postare i vostri racconti ad oggi, si aspetta con ansia e ci accompagna giorno per giorno :) (un po' come un dolcetto-premio perché siamo stati buoni :D )


All'inizio, come avevo detto anche a Nillc, non ero sicura che i miei "commenti" facessero piacere.. c'è anche chi si accontenta di un "bello".. o di un "mi piace", mentre a me escono ogni volta badilate di pensieri e parole, curiosità da soddisfare, dettagli da approfondire.. mi piace fantasticare su quanto letto e sulle possibili evoluzioni e condividere le varie follie liquide o meno che si creano nella mia mente leggendovi, postandole qui sul forum sia per confrontarle con voi che con gli altri lettori.. ma mi rendevo conto che poteva sembrare anche inopportuno [:^] , al primo "ma non potresti leggere e basta :P ?" ci avrei riso su e avrei riversato solo su ASP alla sera le mie teorie sulla puntata seguente :asd: .. invece Nillc da subito mi ha detto che non gli dispiacevano affatto, ma non ero sicura che fosse lo stesso anche con Over [:^] e scoprirlo "così" non può che farmi strapiacere :D




Golden Reviewer (157 Golden Award)
| Predatore



Rispondi