Official Fan Site
Cambio Skin



Seguici
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Youtube Seguici su Instagram
Gruppo Aspidetr.com su Steam
Ricerca




Statistiche
Livelli: 2529
Outfits: 130
Level Designers: 447
Tools: 102
Textures: 158
Manuali TRLE: 13
Patches: 44
Altri Download: 13
TR Official: 44

Download Totali: 728591
Avviso
Se volete inserire materiale, contattate gli Amministratori.
WWW.ASPIDETR.COM - Tutto per il TRLE
768 ~  Poor Wiwi! by Marcos
soluzione by Nillc
download (58) Download 

Inizio: Il Fossato



Dopo il filmato, in cui avete visto il povero folletto Wiwi venir portato via dalla malvagia Arpia Nera, arriverete scivolando in un enorme baratro, su alcune piattaforme cedevoli. Non aspettate troppo a percorrerle, o cadrete! Seguite il loro percorso (occhio a individuarle perché sono nere come lo sfondo) fino a raggiungere l’altro capo del burrone.
Giungerete su un balconcino verde: sotto di voi vedete un fossato, dove su quattro scivoli sono posizionati altrettanti massi in attesa di cadere. Dal lato sud del fossato (quello dove vi siete trovati arrivando, con i guerrieri di pietra insomma) andate verso sinistra e vedrete una piattaforma che vi permetterà di scendere al livello inferiore; ora, portatevi sul balconcino che vedete al centro, che si trova in prossimità di uno dei massi, e saltate sullo scivolo.
Per evitare i massi e il loro rimbalzo dopo essere caduti dovrete eseguire una manovra molto difficile, che quasi sicuramente vi costerà qualche morte: mentre scivolate dovrete infatti saltare e atterrare sulla piattaforma a destra, quindi saltare una seconda volta sullo scivolo che avete appena percorso, quindi saltare di nuovo sulla piattaforma a destra e appendervi al lato per attendere che i massi smettano di rimbalzare.

Quando finalmente i massi saranno fermi al centro del fossato, potrete proseguire andando sullo scivolo opposto a quello lungo il quale siete arrivati, che è percorribile: arrampicatevi dentro la fessura e troverete un corridoio alla cui estremità c’è una specie di specchio magico.
Non vi curate dei guerrieri che appariranno perché non vi faranno niente; continuate invece ad avanzare verso lo specchio e vedrete Lara scomparire e un fuoco accendersi.
In realtà Lara è solo invisibile, quindi se continuerete ad avanzare verso il fuoco verrete inesorabilmente bruciati: il trucco è quindi posizionarsi sul lato e prendere bene le misure in modo da riuscire a saltare anche senza vedere Lara. Non è difficilissimo, ma probabilmente vi richiederà qualche tentativo. Una volta saltato attraverso lo specchio, si raggiungerà l’ambiente successivo.

Il Lago della Morte



Percorrete il corridoio in cui vi siete trovati dopo aver scivolato, prestando attenzione alle due aperture che troverete a destra e a sinistra poco prima di uscire all’aperto: la prima sembra un corridoio senza senso (ma tra poco sarà molto importante…), mentre la seconda è chiusa da una lastra verde e ha accanto un lampione. Al centro, inoltre, potete vedere attraverso una grata un ambiente sotterraneo con tre fontane.
Uscite nel grande cortile: davanti a voi vedete in lago con un grande mascherone dolente. Alla vostra sinistra, adiacente alla casa, trovate invece una seconda lastra verde, che tra poco dovremo aprire.
Se prestate attenzione, quando entrate nel cortile vedrete inoltre una specie di uccellino rosso che vi indicherà la strada, volando nella bocca del mascherone. Fatelo anche voi, e Lara si ritroverà ad essere teletrasportata nei Sotterranei.

I Sotterranei



Dopo il volo metafisico verso i Sotterranei, andate verso destra e, stando attenti alla maschera sputafuoco, calatevi nel buco.
Davanti a voi vedete due statue di arcieri che dietro hanno un’apertura, ma per il momento girate nella stanza a destra: state molto attenti a entrarci gattonando, o verrete arrostiti da due maschere che sputeranno fuoco al vostro ingresso.
Nella stanza vedrete sei statue identiche a quelle che vi ho fatto notare poco prima: se prestate attenzione ai segni sul pavimento, capirete che la prima a sinistra e la seconda a destra possono essere spostate, rivelando due nicchie.
Portatevi a quella di sinistra. Vedete un baratro che per il momento non potete superare e uno strano oggetto sul muro di fronte. Estraete le pistole e sparategli: farà apparire una piattaforma per superare agevolmente il baratro. Percorrete il corridoio e vi ritroverete nella stanza che vedevate dalla grata prima di uscire al cortile del Lago della Morte, con le tre fontanelle. Attenzione, sono tossiche!
Scendete al piano inferiore dall’apertura a destra della fontanella più alta, e raccogliete il Piede di Porco; da qui, poi, spiccate un salto verso la grata, alla quale potrete appendervi: proseguite verso il lampione a sinistra e lasciatevi cadere. Recuperate la Magica Gemma Lucente e tornate indietro nella stanza con le sei statue.
Adesso andate verso la statua a destra, e appendetevi nell’apertura: la telecamera vi farà vedere un oggetto simile a quello che avete sparato poco fa per superare il baratro… il problema è che questo non si trova davanti a voi, ma sotto, e non ci si può calare perché c’è una pozza d’acqua tossica!

Il problema si risolve così: spostatevi verso il centro della nicchia e lasciatevi cadere, estraendo immediatamente le pistole, sparando all’oggetto un attimo prima di cadere. La pozza d’acqua si trasformerà in una comoda piattaforma.
Andate a destra, e quindi di fronte a voi (per ora ignorate l’apertura a destra, dove vedete uno specchio e un faccione demoniaco sul muro opposto), dove scorgete una scala che va verso l’alto: non percorretela ma andateci vicino finché non sentirete una sinistra risata. Tornate indietro all’apertura che prima vi ho fatto ignorare e dirigetevi verso il faccione, che adesso potrete oltrepassare. C’è un nemico invisibile, ma non potete distruggerlo, quindi non sprecate pallottole: raccogliete il papiro e fuggite.
Il papiro in realtà è un segreto, ma vale la pena leggerlo: dice che per uscire dal mondo in cui vi trovate dovrete uccidere l’Arpia Nera e utilizzare la Pietra Oscura all’interno del suo stomaco; prima di affrontarla, però, dovrete oltrepassare il Mostro che sputa fiamme magiche e le Sadiche Spade.
Per il momento, però, seguite il suo consiglio e saltate contro il fuoco che si è nel frattempo acceso sulla scala che abbiamo visto prima. Il trucco è quello che avete usato allo specchio magico: posizionatevi sul lato e saltate.
Dal livello superiore potrete raggiungere facilmente la nicchia da dove siete arrivati e tornare alla stanza delle sei statue. Uscitene (ricordatevi di gattonare!) e andate in fondo al corridoio, dove ci sono le due statue. Calatevi nell’apertura alle loro spalle e proseguite.

Attenzione: nel corridoio, come vedete, inizieranno a muoversi dei blocchi. Se questi dovessero toccarvi, la vostra fine sarà immediata. Cercate quindi di intrufolarvi nell’apertura a destra, dove troverete altri blocchi semoventi e… arriverete ad un punto morto, e dovrete tornare indietro. In realtà scoprirete tra poco che attivare questi blocchi è servito eccome: dirigetevi a destra nel corridoio principale, dove vedrete altri due blocchi, e di nuovo saltate nell’apertura a destra. Percorrete il corridoio, un po’ più tortuoso, attivando tutti i blocchi (e standoci attenti); giungerete ad una nicchia sulla quale potrete arrampicarvi, per saltare verso destra dove vedete un’apertura sopraelevata. Percorrete il corridoio (sgombro dai blocchi, per vostra fortuna!), e utilizzate il piede di porco per recuperare un Insetto Magico.
Adesso tornate indietro e finite di percorrere il corridoio dei blocchi: arriverete nel primo ambiente, dove prima c’era un blocco che non si spostava. Proprio quello celava un’apertura con delle strane macchie verdi: entrateci e verrete magicamente ritraspostati al piano superiore

Ritorno al Lago della Morte


Percorrete il corridoio (ricordate? Sembrava inutile, e invece…) e andate dritti verso la lastra verde col lampione. Metteteci dentro la Magica Gemma Lucente e la lastra scomparirà, aprendovi un varco per la Foresta Pietrificata.
Qui potete raccogliere dei Frutti Magici, che vi serviranno da medikit; quando ne avrete raccolti abbastanza, potete inserire l’Insetto Magico nell’albero che si trova in fondo a destra: vi aprirà la lastra verde che stava presso la casetta di fronte al Lago. Prima di andarvene, notate che di fronte alla Foresta, chiusa da alcune sbarre, ce n’è una identica, che raggiungeremo tra un po’. Tornate al Lago della Morte e andate verso l’apertura appena creata: vi ritroverete in un secondo lago, molto più ampio e minaccioso (vi ricordo che l’acqua nera è tossica). Saltate sul ballatoio di fronte a voi e cercate di far cadere i massi a destra e sinistra (vi eviteranno qualche rogna in seguito).
Tornate quindi all’apertura dalla quale siete venuti e appendetevi alla grata arancione: percorretela fino al centro.

Ci sono due modi per raggiungere lo scopo della nostra presenza qui: il primo, più difficile, prevede che voi andiate verso destra, che oltrepassiate il fossato scivolando e appendendovi all’apertura a sinistra, per poi calarvi dove vedete le statue dei delfini, che andranno superate con una serie di saltelli audaci e molto difficili. Il secondo invece è quello di proseguire verso sinistra, e di raggiungere la piattaforma appendendovi allo scivolo e saltando all’indietro. In realtà è ovviamente più consigliabile mettere in pratica quest’ultimo metodo, ma il primo vi servirà per vedere due ambienti che ci serviranno dopo: il primo, chiuso da una lastra verde, si trova a destra della piattaforma dei delfini, mentre il secondo è una piccolissima nicchia quasi invisibile che si trova sulla destra in corrispondenza dei delfini. Se scegliete di fare il primo percorso, individuateli e teneteli a mente.
In ogni caso, una volta raggiunto il secondo Insetto Magico, divelletelo col piede di porco e giratevi: alle vostre spalle c’è un’apertura che vi permetterà di raggiungere la parte di Foresta che prima potevate solo guardare. Inserite il secondo Insetto nell’albero, e vedrete che la lastra verde del primo percorso svanirà. Tornate indietro e oltrepassate il Lago, fino a raggiungere una seconda volta la grata a cui vi siete appesi. Adesso dovrete indubbiamente andare a sinistra, ma… attenzione! Il Mostro profetizzato dal papiro comparirà!
Non prestateci troppa attenzione e proseguite: non dovrebbe farvi molto male. Raggiungete l’estremità opposta del Lago e la nicchia invisibile che vi ho fatto notare. Entrateci e recupererete, al suo interno, una nuova Magica Gemma Lucente. Ora non vi resta che oltrepassare l’apertura e lasciarvi alle spalle il Lago della Morte e il Mostro.

La Sala delle Torture



Percorrete la sala: come vedete, molti prima di noi hanno cercato di sfidare l’Arpia, ma sono periti. In fondo alla stanza, inoltre, troverete uno scheletro trafitto riverso su se stesso; davanti a lui, una lastra verde protegge la statua di un cavallo trafitto da una spada: tenete bene a mente entrambe le cose. Tornate più o meno a inizio sala, e a destra troverete un’apertura: entrateci e salite la scala fino ad uscire nel cortile. Un breve filmato vi mostrerà un vostro collega avventuriero che muore arrostito… tenete bene a mente questa scena.
Con un salto raggiungete la piattaforma davanti alla statua con le spade: due uccellini vi riveleranno il percorso da prendere. Saltate quindi verso destra e appendetevi alla fenditura nella roccia. Accucciatevi al suo interno e raggiungerete la Sala dove tante povere vittime delle Sadiche Spade si lamentano. Nella stanza a sinistra potete vedere l’audace avventuriero che poco fa è morto, e un corridoio che vi riporterà indietro. Per il momento ignoratelo, tanto più che la grata alla sua estremità è chiusa; andate invece nella stanza a destra della Sala delle Torture. Vedrete una statua dal cui basamento sporge una spada, e un cavallo simile a quello che vi ho fatto notare poco fa; è intuibile che bisogna spostarlo verso la spada e trafiggerlo con essa, ma per il momento è troppo in alto per poterlo fare.
Guardate quindi alla destra del cavallo, e vedrete un braciere identico a quello che ha ucciso l’avventuriero poco fa: lì dentro va inserita la Magica Gemma Lucente. Fatelo, e velocissimi saltate di lato (o abbassatevi) per evitare di fare la sua fine!
Quando sarete in salvo, potrete spostare il cavallo in modo da trafiggerlo con la spada della statua. Questo sortirà l’effetto del ribaltarsi dello scheletro che avete visto all’inizio della sala, di fronte all’altro cavallo.
Non uscite dall’apertura sulla sinistra della stanza, perché arrivereste ad un punto morto: lo scheletro adesso non è più raggiungibile dalla sala iniziale! Tornate invece indietro, dove i cani latrano: dai buchi nel terreno (li avevate notati, vero?) sbucheranno le temibili Sadiche Spade. Ignoratele per quanto possibile, e continuate attraverso la stanza del guerriero arrostito, lungo il corridoio che prima era chiuso: tirate la spada che trafigge lo scheletro e la lastra verde che proteggeva il cavallo svanirà. Velocemente, calatevi nel buco davanti al cavallo e sarete in salvo dalle Sadiche Spade.

Le Segrete



Terminata la scivolata, raggiungerete le segrete e vedrete le gabbie dove la malvagia Arpia Nera ha rinchiuso i suoi prigionieri, tra i quali c’è il nostro piccolo Wiwi! Esplorate le Segrete: sulla sinistra della sala vedete un piccolo lago tossico, che per il momento non si può superare; inoltre, come vedete, sono disseminate nella stanza alcune corde che aprono le gabbie, ma solo due si possono tirare fin da subito. Tiratele e tre gabbie si apriranno: in una di queste c’è uno scheletro, che può essere spostato per ottenere il secondo segreto.

A questo punto, portatevi nella zona della seconda corda (quella più lontana dall’ingresso), e guardate bene il muro sulla sinistra: c’è un’ennesima nicchia quasi invisibile.
Entrateci e percorretela fino a raggiungere le ultime tre corde. C’è un guerriero invisibile che tenterà di impedirvi di tirarle, ma voi siate lesti e perseverate: quando le avrete tirate tutte, libererete Wiwi e una specie di pesciolino che si trasformerà in una creatura magica e svanirà (tornerà tra poco, tranquilli). Tornate da Wiwi e seguitelo: solo grazie a lui potrete oltrepassare il lago tossico, in quanto il folletto farà apparire una bella passerella su cui passerete agevolmente.

L’Arpia Nera



Vi ritroverete nella zona dell’uscita da questo diabolico mondo, ma come potete vedere solo Wiwi può passare nel corridoio buio senza morire. Avvicinatevi per osservarlo, e magicamente apparirà la creatura che avete liberato poco fa che, riconoscente, vi regalerà una balestra e alcune frecce avvelenate che vi serviranno per uccidere l’Arpia.
Una volta raccolte, dirigetevi sulla sponda del lago, e dalle sue acque emergerà proprio lei: la perfida Arpia! Estraete la balestra e cominciate a spararle a più non posso, evitando di farvi colpire: se anche solo vi dovesse toccare, morireste quasi sul colpo. Per evitare questa eventualità, quando vedete che scende in picchiata verso Lara, fatele fare una capriola.
Nel mezzo della battaglia arriverà anche Wiwi a darvi una mano. Continuate a sparare la vostra nemica con le frecce avvelenate finché non capitolerà. Una volta che l’avrete uccisa, raccogliete la Pietra Oscura e inseritela nella serratura accanto al passaggio, che adesso potrete percorrere.

Wiwi torna a casa



Scortate il vostro amico folletto, aspettando che apra le porte della sua città, e godetevi lo splendido finale.